×

Covid, un anno fa l’avvio della campagna vaccinale: cosa è successo in questi 12 mesi

Esattamente un anno fa c'è stato il V-Day, il primo giorno della campagna vaccinale anti Covid: cosa è accaduto in questi 12 mesi

vaccino

Esattamente un anno fa c’è stato il V-Day, il primo giorno della campagna vaccinale anti Covid: cosa è accaduto in questi 12 mesi.

Covid, un anno dall’inizio della campagna vaccinale: i primi mesi

Il 27 dicembre 2020 è stato il V-Day.

La prima fascia di popolazione a ricevere le iniezioni è stata quella degli operatori sanitari. Il vaccino disponibile in quel momento era quello di Pfizer, approvato il 21 dicembre dall’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, e il giorno successivo dall’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. Il piano iniziale prevedeva l’arrivo in Italia di circa 470 mila dosi ogni settimana. Tra gennaio e febbraio si aprirono due nuovi canali di vaccinazione: agli over 80 con Pfizer e agli under 55 del personale scolastico, delle forze armate e di polizia,del personale carcerario e dei detenuti.

Fanno il loro debutto i vaccini Moderna e AstraZeneca. Nel frattempo in Italia c’è un cambio di Governo e Mario Draghi sostituisce Giuseppe Conte. Allo stesso modo cambia anche il commissario straordinario per l’emergenza sanitaria e il 1 marzo Domenico Arcuri viene sostituito dal Generale Francesco Paolo Figliuolo.

Covid, un anno dall’inizio della campagna vaccinale: Johnson&Johnson e il caso AstraZeneca

Tra l’11 e il 12 marzo Ema e Aifa approvano anche il quarto vaccino anti Covid-19: Johnson&Johnson, l’unico farmaco da somministrare in un’unica dose.

 Intanto è appena scoppiato il caso AstraZeneca, con alcune segnalazioni di eventi di trombosi a circa due settimane dalla somministrazione. Il 7 aprile arriva la conferma dell’Ema sul rischio trombosi collegato al Vaxzevria. Da metà aprile iniziano in Italia le vaccinazioni della fascia over 60 e agli inizi di maggio via anche per la fascia over 50. A metà mese si aprono le prenotazioni per gli over 40 e senza limiti d’età per coloro che hanno alcune patologie, anche in forma lieve.

Dagli inizi di giugno sì agli over 30 seguiti poco dopo da tutti coloro che hanno più di 12 anni. A 7 mesi dall’avvio della campagna vaccinale un bollettino dell’Iss racconta che il 52% degli italiani ha ricevuto la vaccinazione completa e il 63% almeno una dose di vaccino.

Covid, un anno dall’inizio della campagna vaccinale: le terze dosi

Il 20 settembre 2021 sono iniziate le terze dosi per circa 3 milioni di pazienti fragili. Dal 27 settembre è stata approvata anche la terza dose “booster” per over 80, Rsa e sanitari. Un mese dopo, il 25 ottobre l’Ema ha dato il via libera alla somministrazione della terza dose del vaccino Moderna dai 18 anni in su. A fine novembre uno studio dell’Istituto superiore di sanità evidenzia che con l’avvio della campagna vaccinale sono state evitate almeno 22 mila morti, 445mila casi, 79 mila ricoveri e quasi 10 mila ammissioni nelle terapie intensive, con l’87% della popolazione italiana vaccinata. In ultimo la data del 16 dicembre, giorno in cui sono state aperte le prenotazioni per le vaccinazioni ai bambini di età compresa tra i 5 e 11 anni e il 23 dicembre, quando una circolare del ministero della Salute ufficializza che l’intervallo di tempo tra seconda dose e terza dose passerà da 5 a 4 mesi.

Contents.media
Ultima ora