Striscia la notizia, Stefania Petyx aggredita a Palermo
Striscia la notizia, Stefania Petyx aggredita a Palermo
Cronaca

Striscia la notizia, Stefania Petyx aggredita a Palermo

Stefania Petyx

Stefania Petyx è stata presa a "calci e pugni" a Palermo. L'inviata di Striscia la notizia stava girando un servizio sugli immobili occupati.

Aggredita a Palermo la prima inviata donna di Striscia la notizia. Stefania Petyx è stata presa infatti “a calci e pugni” e “spintonata giù dalla tromba delle scale” da alcuni inquilini abusivi di una palazzina del capoluogo siciliano. La 48enne e la sua troupe volevano denunciare la situazione di abusivismo a cielo aperto.

Stefania Petyx buttata giù dalle scale

Brutta disavventura per l’inviata di Striscia la notizia Stefania Petyx. La 48enne, che si occupa di raccontare storie che provengono dalla Sicilia e in particolare da Palermo, è stata infatti aggredita durante un servizio. Stefania Petyx, prima inviata donna di Striscia la notizia, era intenta a registrare un servizio su un immobile occupato da abusivi in via Giuseppe Savagnone, nel capoluogo siciliano.

Improvvisamente però dagli appartamenti sono usciti alcuni degli inquilini abusivi che si sono avventati sia sull’inviata del Tg satirico che sulla troupe. “Poco dopo essere entrati nella struttura siamo stati raggiunti da calci e pugni” racconta Stefania Petyx dall’ospedale.

L’inviata infatti è stata anche “spintonata giù dalla tromba delle scale”. Oltre alle ferite, sono andati distrutti telecamere e microfoni.

In breve tempo sul posto sono giunte le forze dell’ordine ma, stando a quanto riferisce in una nota Striscia la notizia, gli aggressori hanno continuato imperterriti a inseguire un operatore. Nel frattempo, invece, Stefania Petyx è stata trasportata in ambulanza all’ospedale dove è stata medicata. Cresce quindi l’attesa del servizio, che sarà mandato in onda nei prossimi giorni, nel quale verranno mostrare le immagini dell’aggressione e la situazione di abusivismo che l’inviata Petyx voleva denunciare.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche