Rimini, anziani maltrattati: arrestati quattro operatori sanitari
Rimini, anziani maltrattati: arrestati quattro operatori
Cronaca

Rimini, anziani maltrattati: arrestati quattro operatori

Ennesimo caso di anziani maltrattati: i Carabinieri di Rimini hanno arrestato quattro persone impiegate presso una casa di cura

I Carabinieri della Compagnia di Rimini hanno notificato quattro arresti domiciliari e un divieto di avvicinamento nei confronti di cinque persone ritenute responsabili di reiterati maltrattamenti nei confronti di cinque ultraottantenni ricoverati presso una casa di cura per anziani di Rimini.

Documentati oltre 100 casi di abuso

Le indagini condotte dai militari anche mediante l’utilizzo di intercettazioni telefoniche e l’utilizzo di registrazioni ambientali, hanno consentito la puntuale documentazione di oltre cento diversi episodi di vessazioni fisiche e morali perpetrate dai cinque uomini ora indagati. Violenze commesse appunto nei confronti di cinque ospiti di una struttura ricettiva per anziani del riminese. Struttura presso la quale gli indagati erano assunti come operatori socio sanitari, e che avrebbero dovuto prendersi cura dei degenti ottuagenari invalidi e non più autosufficienti. Ulteriori informazioni sull’operazione condotta dai militari verranno fornite nel corso di una conferenza stampa, in programma per il pomeriggio del 6 dicembre 2018.

Maltrattamenti agli anziani

Un problema sempre più ricorrente, quello della violenza commessa ai danni di persone anziane.

Abusi che, nonostante la loro diffusione capillare, non sono quasi mai denunciati. E che hanno un costo finanziario, oltre che umano, molto pesante. Persone – gli anziani – che sembrerebbero essere sempre più vittime dei tempi, e del culto della giovinezza che li accompagna. Tempi in cui se non riesci a stare al passo con il sistema diventi inadeguato. E per chi è inadeguato non c’è ne tolleranza ne comprensione, ma solo emarginazione e disprezzo. E i maltrattamenti verso gli anziani potrebbero proprio essere un sintomo di questo sentire.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche