Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Genova, 17enne drogata e stuprata dalla madre e dal patrigno
Cronaca

Genova, 17enne drogata e stuprata dalla madre e dal patrigno

Genova, violentata dal patrigno
Genova, violentata dal patrigno

Una ragazza di Genova è stata drogata dalla madre il giorno del suo 17esimo compleanno e violentata dal patrigno: la coppia è stata arrestata.

Orrore a Genova, dove una 17enne è stata violentata dal patrigno dopo essere stata drogata dalla madre a una festa. La ragazza ha trovato il coraggio di denunciare lo stupro alla polizia, che ha arrestato la coppia con l’accusa di violenza sessuale di gruppo. La notizia è stata diffusa dal Secolo XIX. L’episodio risale al 4 dicembre 2018, giorno in cui la famiglia dell’adolescente ha organizzato una festa per celebrare il suo diciassettesimo compleanno. Ma la ragazza è riuscita a parlare di quanto accaduto solo dopo due giorni. Si è confidata con la moglie del pastore della chiesa protestante che frequenta e con un agente di polizia penitenziaria, residente nel suo stesso palazzo.

Adolescente violentata dal patrigno

La 17enne ha raccontato che, la sera del suo compleanno, la madre e il patrigno l’hanno fatta ubriacare facendole bere superalcolici. L’hanno inoltre costretta ad assumere sostanze stupefacenti e psicofarmaci. L’uomo ha poi abusato di lei, con il consenso della madre.

“Lei era accanto a me”, ha spiegato la giovane vittima, “mi teneva ferma. Mi diceva che sarebbe stato una sola volta. Lui mi violentava senza fermarsi“.

Il racconto della ragazza trova conferme nei messaggi, inviati dalla madre dopo lo stupro e trovati dalla polizia nel suo cellulare. In uno di essi si legge: “Mi merito assolutamente di andare in galera per quello che ho fatto. Però le tue sorelle che colpa hanno?”. In un altro: “Se mi denunci ci saranno conseguenze, lui rischia di perdere il permesso di soggiorno”. La coppia è infatti di origine sudamericana, ma solo la madre e le figlie hanno la cittadinanza italiana. Dopo che la ragazza ha denunciato la violenza alle forze dell’ordine, la madre l’ha rimproverata: “Ti avevo detto di farlo una volta sola con lui, che poi ti avrebbe lasciato stare”. Tra i messaggi inviati dal patrigno, invece, compare: “Ti voglio rivedere.

Pensa a quel momento in cui ti stavo abbracciando tutto il corpo”.

Anticoncezionali per dimagrire

La 17enne ha inoltre rivelato che la madre costringeva lei e le sue sorelle ad assumere anticoncezionali. “Ci diceva che facevano dimagrire“, ha spiegato ai magistrati.

Sembra, inoltre, che non si sia trattato del primo episodio di abusi all’interno del nucleo familiare. Secondo quanto si apprende da Fanpage, l’uomo era solito girare per casa nudo e molestare le figlie della compagna, tutte minorenni. Dopo l’arresto, tutti i figli sono stati trasferiti in una struttura protetta in attesa del processo.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.