Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
G8 di Genova: poliziotti condannati a risarcire 3 milioni per la Diaz
Cronaca

G8 di Genova: poliziotti condannati a risarcire 3 milioni per la Diaz

scuola Diaz

Nuova condanna per i fatti successi alla scuola Diaz, durante il G8 di Genova. Stavolta la sentenza contro i 24 poliziotti è della Corte dei Conti.

Sono passati quasi venti anni dalle violenze alla scuola Diaz, durante il G8 di Genova, e per i 24 dirigenti e ispettori condannati, responsabili a vario titolo dei pestaggi e delle false prove “per coprire le nefandezze perpetrate”, giunge una nuova sentenza. Stavolta a pronunciarsi è la Corte dei Conti che chiede ai poliziotti di risarcire lo Stato per un valore complessivo di due milioni e 800mila euro.

Danno erariale

Tra quelche mese però potrebbe arrivare un’altra condanna. I quasi tre milioni di euro stabiliti dalla Corte dei Conti sono infatti per il danno erariale.

Resta però ancora da valutare il danno d’immagine. D’altronde la Cassazione, nelle motivazioni della sentenza del 2012, aveva sottolineano come i fatti alla scuola Diaz abbiano “gettato discredito sulla Nazione agli occhi del mondo intero”. La questione però dovrà essere dibattuta il 22 maggio 2019 dalla Corte Costituzionale.

A chi andranno i soldi

Per il momento i poliziotti dovranno risarcire i ministeri dell’Interno e della Giustizia delle spese legali dei tre gradi di processo penale nonché pagare le provvisionali stabilite come risarcimenti alle decine di manifestanti picchiati e arrestati e gli avvocati che hanno offerto il gratuito patrocinio alle parti civili.

I difensori di alcuni imputati, come riporta repubblica.it, rivelano però che le cartelle esattoriali notificate dai due ministeri sarebbero “state annullate per vizi formali e per difetto di motivazione”.

Si ipotizza quindi che “allo stato degli atti non un solo euro di risarcimento è stato retrocesso alle amministrazioni danneggiate”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche