> > Gruppo di germani vaga lungo la tangenziale: salvati dagli ausiliari

Gruppo di germani vaga lungo la tangenziale: salvati dagli ausiliari

germani-autostrada

Mamma germano e i suoi otto piccoli sono stati poi trasportati all’interno di una delle due cave utilizzate durante la costruzione dell’Autostrada.

Insolito salvataggio quello avvenuto nella giornata di venerdì 7 giugno sulla Tangenziale Est Esterna di Milano, nel comune milanese di Vizzolo Predabissi. Un gruppo di germani reali è stato recuperato dagli uomini del personale di Tangenziale Esterna SpA. I volatili, per la precisione mamma germano e i suoi otto piccoli, stavano infatti vagando lungo il raccordo che collega la A58 TEEM all’autostrada A4 Torino – Venezia.

L’operazione di salvataggio

È stato durante una perlustrazione di routine presso lo svincolo Agrate Brianza – Caponago che una squadra di ausiliari del traffico guidata da Donato Corvaglia ha notato i germani percorrere il bordo della carreggiata.

Gli uomini hanno prontamente soccorso i volatili collocandoli inizialmente oltre il guard rail autostradale, per evitare che venissero investiti dalle automobili di passaggio.

In seguito, al fine di scongiurare il loro ritorno sulla carreggiata, gli animali sono stati caricati su di un’auto di servizio. Da qui sono stati infine trasportati all’interno di una delle due cave utilizzate durante la costruzione dell’Autostrada.

Il nodo delle ex cave autostradali

Le cave in questione sono peraltro ancora gestite dalla società autostradale.

Il comune di Vizzolo Predabissi deve infatti ancora decidere circa il possibile affidamento dell’intera area ad un’associazione ambientalista. Tra i papabili per l’assegnazione delle cave c’è il Wwf di Milano. L’associazione lo scorso maggio ha infatti rilevato l’ex cava autostradale di Pozzuolo Martesana, trasformandola in un’oasi naturalistica.

Peraltro la cava di Vizzolo è già diventata ritrovo abituale di varie specie selvatiche. Assieme alla sua gemella di Pozzuolo è infatti entrata nel circuito dei bird-watcher per i numerosi avvistamenti che si possono fare lungo le sue sponde.

Tra i volatili che qui hanno trovato il loro habitat ideale vi sono infatti specie rare come la moretta tabaccata, il falco di palude, il tuffetto, il gruccione, il moriglione e il cavaliere d’Italia.