×

Cucina romana: la carne di ghiro

I romani mangiavano abitualmente il ghiro

default featured image 3 1200x900 768x576
foodmosaic thumbnail

Non credo si possa negare che gli antichi romani non lasciassero vivere in pace alcuna specie animale; cercando qua e là sui libri informazioni sulla loro alimentazione e sui piatti tipici della loro cucina, sono rimasta basita nell’apprendere che mangiassero persino…il ghiro!

Non solo: prima di arrivare sulle tavole cotti e pronti per essere consumati, questi animali venivano allevati con una serie di particolari accorgimenti, affinché la carne risultasse più gustosa e saporita.

Esistevano infatti ambienti appositi in cui i ghiri erano tenuti per molto tempo ad ingrassare al buio all’interno di speciali recipienti, le glirarie, e solo quando erano giudicati idoenei, venivano uccisi e cucinati.

La più comune ricetta a base di ghiro prevedeva che l’animale venisse farcito con polpette di maiale, pepe e laser, una spezia che veniva ricavata dal succo del silfio, una radice propria di Cirene.

Contents.media
Ultima ora