×

Elezioni Francia 2022, Macron-Le Pen: il dibattito televisivo prima della riapertura delle urne

Elezioni Francia 2022: i due candidati Emmanuel Macron e Marine Le Pen stanno partecipando a un dibattito televisivo prima della riapertura delle urne.

Francia Macron le pen

In Francia, i cittadini torneranno alle urne nella giornata di domenica 24 aprile per eleggere il prossimo presidente. Intanto, nella serata di mercoledì 20 aprile, si sta tenendo un confronto televisivo tra i due candidati delle elezioni: Emmanuel Macron e Marine Le Pen.

Il confronto tra il presidente uscente e la leader di Rassemblement National è moderato da Lea Salamè, conduttrice del programma Elysee 2022 su France 2 e dal presentatore del telegiornale delle 20 su Tf1, Gilles Bouleau.

Elezioni Francia 2022, Macron-Le Pen: il dibattito televisivo prima della riapertura delle urne

Marine Le Pen

Nel prendere la parola durante il dibattito televisivo, Marine Le Pen ha dichiarato: “La più grande risorsa della Francia è la sua gente.

Un popolo volontario, unito, creativo. Conosco bene la nostra gente, li incontro da anni. Per 5 anni l’ho visto soffrire, la preoccupazione di essere declassato, una sorta di precarietà che lui sente, generalizzata, e poi l’ho visto preoccuparsi del futuro e del dubbio. Vorrei dirgli che un’altra scelta è possibile basata sul rispetto. Sono obbligata a essere la portavoce dei francesi. Macron dice di aver aumentato il potere di acquisto, io ho visto solo francesi che dicono di non arrivare a fine mese e di aver perso il potere di acquisto.

Sarò il presidente della sovranità, della libertà, della sovranità e poi della sua sicurezza. Sarò il presidente della vita quotidiana, del valore del lavoro, del potere d’acquisto, della scuola, della salute ovunque per tutti, dell’assimilazione repubblicana ma anche dell’avanzamento sociale. E sarò il presidente della restaurata concordia dei francesi, della giustizia, della fraternità nazionale, della pace civile. Voglio ridurre le tasse a chi ha meno di 30 anni, voglio sostenere le famiglie che hanno almeno due figli, voglio sostenere il valore del lavoro.

Gli insegnanti sono particolarmente maltrattati rispetto la media europea, ad esempio. La priorità assoluta dei prossimi anni sarà restituire ai francesi il proprio denaro, ridaremo indietro dai 200 ai 250 euro a famiglia.”

Emmanuel Macron

Il presidente francese in carica, Emmanuel Macron, invece, ha esordito al confronto, affermando: “Abbiamo tutti attraversato un periodo così difficile, crisi senza precedenti, una pandemia e oggi il ritorno della guerra sul suolo europeo. Quindi ovviamente stiamo parlando di un momento in cui paure e preoccupazioni ci sono. Ho attraversato questo periodo cercando di prendere le decisioni giuste e voglio continuare a farlo perché credo che possiamo rendere il nostro Paese più indipendente e più forte. Possiamo e dobbiamo migliorare la vita quotidiana attraverso il lavoro della scuola della salute della vecchiaia. Voglio bloccare i prezzi dell’elettricità e del gas, voglio essere uno scudo. I francesi avranno aumento delle bollette di centinaia di euro al mese se Le Pen sarà eletta. La nostra Francia sarà più forte se saprà affrontare la questione ecologica e diventare una grande potenza ecologica del XXI secolo. Questo è ciò che guiderà le mie scelte negli anni a venire se i francesi mi sceglieranno. Abbiamo creato in questi anni 1.2 milioni di buste paga, nel programma di Le Pen non c’è nemmeno la parola disoccupazione. Ci sono molti francesi che hanno trovato lavoro, vogliamo fare di più. Dobbiamo ridurre del 2% il numero dei disoccupati. Porteremo le pensioni minime a 1100 euro, Le Pen vuole lasciarle a 1000 euro“.

Macron-Le Pen, confronto sul tema dell’energia

In materia di energia, la leader di Rassemblement National ha osservato: “Sul provvedimento di blocco energetico, non sono contraria. Sono contraria a un cambio permanente di sistema ma voglio uscire dal mercato elettrico europeo, che ci obbliga a far aumentare i prezzi di tutta l’energia. Voglio qualcosa di duraturo e non temporaneo“.

A questo proposito, Macron ha obiettato Le Pen: “Ma hai votato contro il blocco energetico”.

Le Pen, allora, ha risposto al suo avversario nel seguente modo: “Mi dici che il blocco è più efficace della mia partita IVA. Non è possibile, tornerò ai prezzi regolamentati così queste misure si accumuleranno. Per un serbatoio di 2000 euro, sono 590 euro all’anno che i francesi possono guadagnare. Per quanto riguarda il bonus, parliamo del valore del lavoro. La grande differenza tra la proposta che ho potuto fare per gli incentivi alle imprese e la tua proposta di bonus è che per me è qualcosa di duraturo e non temporaneo. I bonus nella vita reale, quando vai a prendere un prestito dalla tua banca ti chiedono lo stipendio e non gli interessano i bonus. Quando vai ad affittare un appartamento, il proprietario non si preoccupa dei bonus. Molto meglio è la misura che propongo per aumentare i ricavi – e ha aggiunto –. Voglio cambiare il sistema energetico da cima a fondo. Voglio riportare ai francesi i prezzi dell’energia che sono la conseguenza dell’investimento dei loro genitori e dei loro nonni. Se avessimo regolato i prezzi come facevamo in precedenza, saremmo molto meno sensibili all’evoluzione dei prezzi dell’energia che stiamo vivendo oggi che sono la conseguenza di un prezzo fissato a livello europeo e non sui nostri prezzi di produzione. Stiamo pagando le conseguenze di errori ideologici commessi dai nostri vicini, in particolare tedeschi, molto dipendenti dal gas russo e quindi dagli sviluppi geopolitici. Sono pienamente d’accordo con l’attuazione di un provvedimento aggiuntivo che è temporaneo: l’abolizione dell’IVA su un paniere di 100 beni di prima necessità purché l’inflazione sia un punto in più rispetto alla crescita, come è attualmente il caso.”

Macron-Le Pen, il ruolo della Francia rispetto alla guerra in Ucraina

Per quanto riguarda le politiche sociali e la guerra in Ucraina scaturita dall’invasione russa, Emmanuel Macron ha annunciato: “Voglio istituire un assegno alimentare come il controllo dell’inflazione. È sia più efficiente che più equo: l’IVA allo 0% non è una misura efficace perché viene trasferita molto poco. Questo andrà molto più ai distributori che ai consumatori. Si tratta di una misura ingiusta perché io e te non abbiamo bisogno di smettere di pagare l’IVA, l’assegno è più adatto della riduzione dell’Iva che non è mirata. Stiamo vivendo momenti di estrema gravità da quando la Russia ha deciso di aumentare la sua offensiva e i prossimi giorni saranno decisivi. Il ruolo della Francia è sostenere gli ucraini, con le armi, finanziariamente e accogliendo il popolo ucraino. Oggi dobbiamo intensificare e mantenere questa linea, avendo cura, come me, che la guerra non si diffonda. Ecco perché l’Europa è così importante, perché è un’Europa con forti poteri di difesa, ecco perché ho rafforzato il budget militare della Francia. L’obiettivo è fare dell’Europa una forza equilibratrice, perché non siamo vassalli di nessuno“.

Alle parole dell’avversario, Marine Le Pen ha ribattuto: “La Francia dovrebbe aiutare l’Ucraina? Per prima cosa permettetemi di evocare la mia solidarietà e la mia assoluta compassione per il popolo ucraino. L’aggressione di cui è stata vittima l’Ucraina è inammissibile e ammetto che gli sforzi da lei compiuti per trovare la pace, in nome della Francia, meritano di essere sostenuti. Aiuti umanitari all’Ucraina: sì, certo. Aiuti finanziari: sì. Aiuti materiali alla difesa: sì, certo. L’unica sanzione con cui non sono d’accordo è il blocco dell’importazione di gas e petrolio russi. Non è il metodo giusto, non farà male alla Russia e soprattutto farà molto più male ai francesi. Il mio timore è fare in modo che Russia e Cina diventino alleate molto strette. Perché governare è prevedere, prevedere i pericoli del domani. Temo che diventeranno una superpotenza militare ed economica e potrebbero costituire un grave pericolo per la Francia e l’Europa“.

Macron sul prestito ottenuto da Le Pen nel 2015 da una banca russa vicina al Cremlino

Il presidente francese uscente, allora, ha constatato: “Prendo atto delle posizioni di Marine Le Pen che non corrispondono alle posizioni difese dal suo partito al Parlamento europeo. D’altronde quello che hai appena detto è completamente l’opposto delle posizioni che hai sempre ricoperto. Lei è stata una dei primi parlamentari a riconoscere il risultato dell’annessione della Crimea da parte della Russia. L’hai fatto, e lo dico con grande serietà, perché dipendi dal potere russo e dal signor Putin pochi mesi dopo aver preso un prestito nel 2015 da una banca russa vicina al potere, poi hai ripristinato questo prestito da altri attori che sono coinvolti nella guerra in Siria. Quindi non parli con altri leader, parli con il tuo banchiere ed è forse quello che succede quando devi prendere decisioni coraggiose. Sei sempre stata ambigua sull’argomento perché non sei in una situazione di potere, i tuoi interessi sono legati a quelli della Russia”.

A questo punto, la leader di Rassemblement National ha corretto Macron, precisando: “Quello che dici è sbagliato”.

Alle parole della candidata di estrema destra, quindi, il presidente uscente ha risposto: “Quello che ti ho detto sul finanziamento del partito è sbagliato? Hai preso questo prestito nel 2015 e non l’hai ancora rimborsato, questo impegno con la Russia minaccia la nostra libertà“.

Le Pen, allora, ha rivelato: “Ammetto di aver chiesto un prestito in Russia a causa del rifiuto delle banche francesi. Non posso lasciarti dire che non rimborsiamo. Rimborsiamo ogni mese. Siamo un partito povero, ma questo non è disonorevole.

Con l’Unione Europea o fuori dall’Unione Europea?

In relazione al rapporto con l’UE, Marine Le Pen ha dichiarato: “Vorrei che la Commissione europea rispettasse le nazioni sovrane, rispettasse la scelta dei francesi, comprese le loro scelte sociali. Facciamo scelte sociali attraverso i nostri voti. I francesi fanno scelte sociali e ritengo che la Commissione europea debba rispettarle. Quindi voglio sviluppare questa organizzazione europea. Ma non voglio uscirne. Non voglio lasciare l’Unione Europea“.

Le considerazioni dell’avversaria, tuttavia, sono state attaccate da Macron che ha asserito: “Vuoi cambiare un club dicendo che scelgo le mie regole, o gli altri ti seguono o ti stai in disparte e quello che descrivi sembra così. Vorrei ricordare che la Francia si è opposta al Mercosur. Ci siamo battuti per un’unione che non cada nonostante la Brexit.Riguardo al tema dello smart working, ci sono circa 500.000 posti o circa 50.000 lavoratori. Abbiamo fatto la riforma su questo tema. Ho lottato per cinque anni per cambiare questa Europa. È una battaglia francese che conduco da cinque anni ma nel rispetto degli altri, in particolare sulla questione dei lavoratori in smart working. Le Pen vuole quasi eliminarlo, lo spiegherai alle centinaia di migliaia di nostri lavoratori francesi in smart working in altri Paesi“.

Il presidente uscente, poi, ha aggiunto: “La fine della preferenza nazionale per l’occupazione è la fine del mercato unico europeo. Non possiamo chiedere allo stesso tempo che i nostri lavoratori francesi continuino a lavorare in altri Paesi, come nel caso di molti frontalieri francesi. Il mercato europeo è la libera circolazione dei lavoratori e delle merci europee”.

Nel corso del dibattito Macron-Le Pen, le osservazioni del presidente in carica sono state contestate dall’avversaria, che ha tuonato: “Sei molto europeocentrico. L’immagine che ho della Francia è una potenza mondiale, non solo europea. Dobbiamo sviluppare un nuovo rapporto con l’Africa, i territori d’oltremare che sono le piattaforme di influenza della Francia. Non ne abbiamo parlato perché hai una visione che fa acrobazie in Francia. La Francia non è un Paese continentale e deve riscoprire questa ambizione di grandezza con partner privilegiati, in particolare dall’Africa”.

Pensioni e debito aggiuntivo di 600 miliardi di euro

Il dibattito Macron-Le Pen si è, poi, concentrato sulle pensioni. Sull’argomento, Le Pen ha asserito: “L’età per la pensione non dovrebbe essere allungata. Tutti coloro che hanno avuto un primo lavoro significativo prima dei 20 anni potranno andarci a 60 anni, il pensionamento a 65 anni voluto da Macron è ingiusto“.

Macron, dunque, ha osservato: “Rinvio dell’età pensionabile a 65 anni? Abbiamo molti progressi da finanziare. Non voglio aumentare le nostre tasse, non voglio aumentare il nostro debito, voglio anche iniziare a ripagarlo nei prossimi cinque anni. Quindi voglio che lavoriamo di più, con un pilastro che è quello di spostare l’età legale di quattro mesi all’anno, dove raggiungeremmo i 65 anni nel 2031. Le Pen propone di togliere il sistema dell’arduo. Non è giusto perché non tiene conto dei criteri di ardua impresa. Bisogna rimuovere i principali regimi speciali, in particolare alla RATP e all’EDF per le nuove assunzioni. Lo faccio perché dobbiamo finanziare i nostri progressi. Per essere eletti è più facile dire che stiamo tornando su una riforma dell’abolizione dei regimi speciali. Le Pen non vuole aumentare le tasse, ma nel suo programma sono nascoste delle tasse con le quali finanzierebbe le pensioni“.

La leader di Rassemblement National, allora, ha risposto: “Macron è il Presidente che ha creato 600 miliardi di euro di debito aggiuntivo, due terzi dei quali non hanno assolutamente nulla a che fare con il Covid. Questi sono i numeri dei tuoi stessi dipartimenti. I vostri ministeri parlano di 145 miliardi per il Covid”.

Il presidente francese uscente, tuttavia, ha precisato: “Non confondere. I 600 miliardi di debito sono 200 miliardi della parte statale e il resto è la previdenza sociale, le comunità locali. Come mai? Perché le persone non potevano più lavorare e i loro contributi non venivano detratti. Qualunque sia il costo, hai votato contro ma cosa avresti fatto durante l’emergenza Covid?”.

Lavoro, disoccupazione e pandemia Covid: Le Pen attacca Macron

Sul tema del lavoro, Le Pen ha chiesto a Macron: “I disoccupati erano 5,5 milioni quando sei stato eletto e oggi sono 5,4 milioni. Di persone che cercano attivamente un lavoro ce n’erano 5,5 milioni quando sei stato eletto e oggi sono 5,4 milioni. In termini di successo sulla disoccupazione permettetemi di essere dubbiosa. Ci sono altri 400.000 poveri nel paese e anche questo è il tuo risultato. C’è un deficit di 85 miliardi nella bilancia commerciale, non possiamo cavillare su questa cifra, è un record assoluto. E forse il numero più difficile per te è il numero di produttività: scende a partire dalla tua elezione. L’aumento della produttività è dello 0,1% in Francia, mentre è dell’1,8% nel resto dei paesi europei. Il Mozart della finanza ha un primato economico pessimo”.

Macron, quindi, ha precisato: “Il debito Covid è di 600 miliardi, lo presumo in pieno. Abbiamo avuto una recessione tre volte più pesante che durante la crisi finanziaria, ma avete l’audacia di dire che stiamo aiutando grandi gruppi! Lasciate che i ristoratori, i piccoli industriali, i commercianti vengano a testimoniare e dire chi li ha aiutati durante la crisi Covid con i fondi di solidarietà, i prestiti garantiti dallo Stato. Questo debito lo abbiamo costruito insieme, il che significa che oggi, quando viviamo una pandemia mai vissuta da un secolo, abbiamo abbassato la disoccupazione dal 9,6% al 7,7%. Nessuno tiene conto delle categorie B e C dei disoccupati in quanto attività parziali. La vita dei nostri commercianti e artigiani è quella del debito Covid e tu hai votato contro. In primo luogo, durante il primo lockdown, ho offerto capitale a tutte le PMI, 1.500 euro per azienda e 1.000 euro per dipendente. Questa è equità”.

Sanità francese

Rispetto alla sanità francese, il presidente in carica ha affermato: “Sulla sanità voglio ricordare le misure prese durante il questo quinquennio, in particolare gli investimenti negli ospedali e gli stipendi decisi durante l’emergenza coronavirus. Ma questo non basta. Voglio ristrutturare gli ospedali e ricollocare migliorando le condizioni di lavoro. Sulla questione del deserto medico, Voglio mobilitare diversi professionisti medici nei territori interessati affinché diventino referenti sanitari“.

Sull’argomento, la sua avversaria ha rilanciato: “Con me la sanità sarà molto meglio se verrò eletta. Voglio ricordare lo sfratto di 15.000 caregiver a causa della loro campagna di non vaccinazione durante l’emergenza sanitaria. Nessuno riesce più a trovare un medico. Credo che si debbano investire 20 miliardi in 5 anni, soprattutto nelle case di riposo per evitare le tragedie che si sono verificate. Voglio anche attuare incentivi finanziari per portare i medici a stabilirsi nei deserti medici, una profonda ingiustizia per i francesi. Bisogna controllare i luoghi in cui le persone sono vulnerabili. Deve essere imposto un numero minimo di personale per residente nelle case di cura. Dobbiamo chiedere che le case di cura abbiano medici coordinati e guardie 24 ore su 24. Serve un sistema comune di case di cura. L’attuale modello in cui si fa soldi sulla vulnerabilità degli anziani è inaccettabile”.

Dibattito Macron-Le Pen: clima e riscaldamento glogale

Rispetto al clima, Le Pen ha dichiarato: “Quali misure prenderei per combattere il riscaldamento globale? Blocco l’ipocrisia che rifiuta di vedere che è il modello economico basato sul libero scambio ad essere responsabile di gran parte delle emissioni di gas serra. Le importazioni rappresentano il 50% dei gas serra. Questo è un modello che sta uccidendo il pianeta. Ho basato il mio progetto sul trasferimento delle attività. Voglio che possiamo creare sul posto, consumare il più vicino possibile, non tutto ovviamente. Ma per quanto possibile vai sul trasferimento. E quindi lo Stato deve assumere questa politica, dobbiamo smettere di importare metà della nostra frutta e verdura. È attraverso il patriottismo economico che possiamo garantire che le autorità locali, lo Stato, si impegnino ad acquistare – non biologico perché c’è biologico straniero – ma si impegnino a comprare francese. Che possiamo avere prodotti francesinelle mense collettive francesi. Dobbiamo contare anche la sofferenza animale, argomento di cui si parla poco. Il libero scambio ha fatto molto male agli animali. Quando accettiamo circuiti dove diamo alla luce animali in Francia, li trasporteremo in condizioni dolorose per ingrassarli e poi a centinaia di chilometri per macellarli. È un modello che crea disoccupazione nel nostro Paese, emissioni di gas serra, sofferenza degli animali e che esasera i nostri allevatori perché capita che queste importazioni non rispettino gli standard e la concorrenza del loro settore”.

Macron, quindi, ha risposto a Le Pen: “È chiaro che è una scettica sul clima. Io, sono stato colpito ancora una volta dal rapporto dell’IPCC. Abbiamo raddoppiato il tasso di riduzione delle emissioni serra. Voglio andare due volte più veloce, perché il presidente del Consiglio si occupi di questa politica e declini la pianificazione energetica e territoriale dall’altra e per la produzione di energie e la transizione ecologica”.

Contents.media
Ultima ora