Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Violenta capra incinta del vicino: condannato
Esteri

Violenta capra incinta del vicino: condannato

capra

Un 33enne sudafricano ha violentato la capra del vicino, incinta. L'uomo ha inizialmente negato le accuse ma poi è crollato. E' stato condannato.

Un sudafricano di 33 anni ha portato nel suo letto la capra incinta del vicino e l’ha violentata. I fatti risalgono ad agosto 2018, e l’animale si sta riprendendo. L’uomo è stato condannato. Il suo gesto è stato descritto come “la più grande atrocità mai vista”.

Violenta la capra

Si chiama Feselani Mcube e ha 33 anni. E’ questo l’uomo sudafricano che ha portato nel suo letto la capra del vicino per poi violentarla. Per lui è arrivata la condanna. Un funzionario per il benessere degli animali ha descritto l’episodio come “il peggior caso di crudeltà che abbia mai visto”. Il 33enne ha ammesso tutte le accuse. Avrebbe preso la capra incinta e l’avrebbe portata a letto con sé, per poi violentarla. Il fatto è accaduto in Sud Africa.

La capra è stata curata dalla Society for the Prevention of Cruelty to Animals ed è in lenta ripresa. “Vogliamo chiedere al sistema giudiziario di intraprendere azioni severe contro i casi di crudeltà contro gli animali” ha affermato l’ispettore di SPCA.

Le parole del proprietario

Il proprietario della capra, ha detto di aver sentito l’animale lamentarsi ma di non averla presa sul serio.

“Ho pensato che forse stava per partorire visto che sapevo che era incinta. Quando però la mattina sono andato a controllarla, non c’era più. Più tardi mi sono accorto che era ritornata, ma sembrava non stare bene” ha detto il signor Khumalo. Un uomo quindi si era poi avvicinato al proprietario dicendogli di aver visto poche ore prima l’animale nel letto di Mcube. Il colpevole inizialmente ha negato tutto, ma poi è crollato. Feselani Mcube è colpevole di bestialità.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche