Islanda, aereo fece atterraggio emergenza: abbandonato dal '73 | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Islanda, la carcassa di un aereo abbandonato da 45 anni
Esteri

Islanda, la carcassa di un aereo abbandonato da 45 anni

aereo abbandonato islanda

Costretto ad un atterraggio d'emergenza nel 1973 in una sperduta spiaggia islandese, i resti del Douglas Super DC-3 della US Navy giacciono ancora lì.

Era il 24 Novembre del 1973 quando un Douglas Super DC-3 della US Navy atterrò con una manovra d’emergenza in una remota spiaggia di Sólheimasandur nell’Islanda sud occidentale. Tutto andò bene: l’equipaggio fu tratto in salvo senza che nessuno riportasse ferite. L’aereo si trova ancora lì, 45 anni dopo.

Raggiungerlo non è facile. Prima di vederlo, infatti, bisogna percorrere diversi chilometri a piedi ma, a giudicare dalla quantità di turisti che ogni anno va a fargli visita, ne vale la pena. E’ un luogo molto attraente, perfetto per chi ha nella fotografia la sua passione.

A rendere il tutto ancora più affascinante, sono i misteri che circondano ancora oggi l’aereo. Dopo tutti questi anni, ancora nessuno è riuscito a spiegare le cause che hanno portato all’atterraggio di emergenza. Inoltre, non è ancora stata stabilita la data esatta dell’incidente. Fonti locali ritengono che non sia accaduto il 24 Novembre ma il 21 o il 23.

I resti sono stati vandalizzati

Di certo c’è che l’aereo venne abbandonato sul posto.

E stando a quanto riportato da uberti.eu, un contadino di una vicina fattoria ne avrebbe tagliato e asportato ali e timone di coda per rivenderli a collezionisti misteriosi.

Nel Luglio del 2015, dei vandali hanno dipinto la loro sigla con della vernice rosa su un lato della carcassa dell’aereo. Questo increscioso episodio ha indignato gli islandesi e deluso profondamente tutte le persone arrivate per vederlo. Il duro clima islandese però ha provveduto a cancellare la vernice, tanto che nelle foto più recenti la scritta rosa è già completamente sparita.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche