×

Sparatoria in una chiesa del Mississippi: un uomo ucciso dalla polizia

Protagonisti della sparatoria, un agente di polizia e la vittima di 57 anni. Il bilancio resta provvisorio, le indagini sono ancora in corso

sparatoria in una chiesa del Mississipi
sparatoria in una chiesa del Mississipi

Fra a sera di sabato 3 e la mattina di domenica 4 agosto in due città diverse degli Usa venivano perpetrate due stragi per mano di giovani criminali. Prima la sparatoria in un centro commerciale di El Paso, in Texas, con 20 morti e 26 feriti. Poi a Dayton, nello stato dell’Ohio, dove sono state uccise 9 persone e sono almeno 27 i feriti. Gli Stati Uniti sono sotto shock. I killer entrano in azione inaspettatamente e nei luoghi più affollati. Scuole, università, ma anche supermercati e nightclub, caffetterie e luoghi di culto. L’ultimo drammatico episodio ha avuto luogo a solo una settimana di distanza dalle precedenti sparatorie in Texas e nell’Ohio. Domenica 11 agosto, infatti, si è verificata una sparatoria in una chiesa del Mississippi.

C’è una vittima.

Sparatoria in una chiesa del Mississipi, la dinamica

Le informazioni rese note finora dai media locali risultano incerte e prive di particolari dettagli. Le indagini sono ancora in corso, così da ricostruire in maniera puntuale quanto accaduto nel nordest del Mississipi. Non si conoscono le cause né il movente che avrebbe spinto il killer ad agire.

Scott White, capo della polizia di Ripley, ha comunicato al Daily Journal che la sparatoria ha avuto luogo presso la West Ripley Church of Christ, domenica 11 agosto 2019. Un agente di polizia e la vittima, Patrick Sanders, di 57 anni, sono stati coinvolti nella sparatoria. Il 57enne è stato ucciso dalla polizia durante lo scontro, informa Tgcom24.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche