×

Padre 19enne uccide la figlia di 23 giorni: condannato a 8 anni

Alla neonata sono stati provocati un trauma cranico con conseguente arresto cardiaco e la rottura di diverse costole.

Padre uccide figlia

L’episodio si è verificato in Scozia. Un giovane padre uccide la figlia di soli 23 giorni scuotendola e provocandole un trauma cranico. A due anni dall’accaduto, il ragazzo viene condannato a 8 anni di reclusione.

Padre uccide la figlia

Dopo una prima negazione, l’allora 19enne ha ammesso le sue colpe e dichiarato di essersi reso colpevole di omicidio. Una sera del giugno 2017 si sarebbe alzato per stare con la figlia Mikayla, che in quei giorni piangeva spesso e soffriva di diarrea. Invece che prendersene cura però, Thomas Haining ha iniziato a scuoterla fino a provocarle danni irreparabili, ovvero un trauma cranico con conseguente arresto cardiaco.

La madre in quel momento dormiva al piano superiore dell’abitazione, e pare che il ragazzo abbia persino cercato sul web “cosa succede quando un neonato viene agitato con forza“.

Vedendo che la piccola non si svegliava, la famiglia ha immediatamente chiamato i soccorsi che l’hanno trasferita d’urgenza in ospedale.

I medici hanno constatato che Mikayla aveva anche delle costole rotte e che i danni causati dal padre avrebbero reso improbabile la sopravvivenza. Per questo dopo poco tempo è stata staccata dal supporto vitale ed è morta nelle braccia della madre. Thomas era stato arrestato prima per omicidio volontario e poi per omicidio colposo, e a distanza di due anni per lui è arrivata la sentenza definitiva.

Il giovane, ora 21 enne, è stato condannato a 8 anni di reclusione.

Contents.media
Ultima ora