×
L’opinione di Giuseppe Acconcia

Patrick Zaky libero subito

Condividi su Facebook

Patrick Zaky e Giulio Regeni, ma anche Mustafa Kassem e Esraa Abdel Fattah: sono migliaia le vittime della repressione del regime di al-Sisi.

Patrick Zaky
Patrick Zaky

Patrick Zaky, studente e attivista dell’Università di Bologna, è stato arrestato lo scorso 6 febbraio al suo arrivo all’aeroporto del Cairo con accuse di “diffusione di notizie false”, “mettere in pericolo la sicurezza nazionale” e “incitamento alle proteste”. Lo scorso sabato Zaky, 27 anni, è apparso davanti alla Corte di Mansoura, la sua città natale sul Delta del Nilo. Secondo l’ong egiziana Egyptian Initiative for Personal Rights (EIPR), Zaky ha subito torture per ore ed elettroshock durante la sua detenzione. Patrick Zaky, che stava per concludere un Master in studi di genere, aveva duramente criticato la repressione in corso in Egitto ricordando spesso il caso di Giulio Regeni. Un flashmob per chiedere il rilascio immediato di Zaky si è svolto in piazza Maggiore a Bologna la scorsa domenica, con la partecipazione di varie associazioni studentesche tra cui Link e Adi (Associazioni dottorandi e dottori di ricerca in Italia).

Ha chiesto la liberazione immediata di Zaky anche il presidente del parlamento europeo, David Sassoli, mentre il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, pur promettendo di seguire il caso, ha ricordato che l’Egitto di Abdel Fattah al-Sisi è “cruciale” per la stabilità del Mediterraneo.

Patrick Zaky e il caso Regeni

Combattiamo per i nostri attivisti, ma anche per Giulio Regeni. Le istituzioni cercano di impedirci di parlarne, le proteste (in Egitto, ndr) non sono permesse, le ong affrontano minacce”, aveva dichiarato Zaky in un’intervista all’agenzia Dire nel 2018. I casi di Patrick Zaky e Giulio Regeni hanno molte similitudini, come confermato dalla famiglia del giovane egiziano. Tra le richieste, fatte a Zaky durante la detenzione, ci sarebbero proprio i suoi legami con la famiglia Regeni in Italia.

E così, a pochi giorni dalla diffusione della notizia della sua scomparsa, è apparso un murales a qualche passo dall’ambasciata egiziana a Roma in cui si vede Giulio abbracciare Patrick e la scritta “Stavolta andrà tutto bene”. Per ben sei giorni, dal 25 al 31 gennaio 2016, non è stata diffusa la notizia ai media della scomparsa di Giulio Regeni, rallentando l’attivazione del clamore mediatico che avrebbe permesso di fare maggiori pressioni sulle autorità egiziane per chiederne il rilascio.

Tra giustizia e interessi internazionali

A oltre quattro anni dalla scomparsa e ritrovamento del corpo del dottorando friulano, il 3 febbraio 2016, le indagini sui responsabili in Egitto non fanno progressi. Fin qui sappiamo che sono coinvolte alte gerarchie militari egiziane perché Giulio è stato preso il 25 gennaio 2016, anniversario delle proteste di piazza Tahrir del 2011. Si sa anche che sono stati i suoi contatti in Egitto, tra coinquilini e sindacalisti intervistati, ad averlo tradito e denunciato alle autorità egiziane per il suo lavoro di ricerca sui sindacati.

Eppure gli interessi a mantenere buone relazioni bilaterali con il regime militare egiziano hanno fin qui impedito a Italia e Unione europea di dichiarare l’Egitto come un paese non sicuro e di fare maggiori pressioni per arrivare alla verità e svolgere un processo che individui i responsabili del crimine. Solo pochi giorni fa due navi militari sono state vendute da Roma all’Egitto, mentre il ruolo del Cairo in Libia e gli interessi petroliferi nel Mediterraneo orientale sono in cima all’agenda della politica estera italiana nel paese.


Zaky e la repressione in Egitto

Il caso Zaky è solo uno tra le migliaia che coinvolgono attivisti e oppositori in Egitto. Lo scorso venerdì (7 febbraio, ndr), il senatore repubblicano negli Stati Uniti, Marco Rubio, aveva chiesto alle autorità egiziane di rivelare il luogo di detenzione di Mostafa al-Naggar, attivista ed ex parlamentare dei Fratelli musulmani di cui non si hanno notizie da 16 mesi.

Lo scorso mese un cittadino statunitense in carcere in Egitto da oltre sei anni, Mustafa Kassem, è morto in prigione dopo un lungo sciopero della fame. Restano ancora in prigione dalle proteste dello scorso settembre con rinnovi di 15 giorni in 15 giorni, gli attivisti, Alaa Abdel Fattah e Mahiennour el Masry. È stato rinnovato il periodo detentivo anche per la giornalista e attivista Esraa Abdel Fattah, accusata di diffondere “notizie false” e di far parte di “un’organizzazione terroristica”. Esraa avrebbe subito torture in prigione per mano di agenti in borghese.

Le stime di Amnesty International

Secondo Amnesty International, sarebbero state almeno 4mila le persone arrestate al Cairo per prevenire ulteriori manifestazioni, solo lo scorso autunno, mentre sarebbero oltre 60 mila i prigionieri politici nelle carceri egiziane dopo la repressione avviata con il golpe militare del 3 luglio 2013. E non solo, il think tank ha accusato la Procura suprema per la Sicurezza di Stato di abusare costantemente delle leggi antiterrorismo per estendere la definizione di terrorismo e annullare qualsiasi garanzia prevista dalla Costituzione per gli imputati. E così migliaia di persone sono state arrestate con accuse inventate, hanno subito prolungati periodi di detenzione preventiva, hanno subito torture e maltrattamenti in carcere.

Sconcerto ha suscitato poi in Egitto la morte di Nada Hassan, 12 anni, a causa di una mutilazione genitale femminile ad Assiut, 380 chilometri dal Cairo. Il medico che ha praticato l’operazione, ancora molto diffusa soprattutto in aree rurali, è stato arrestato insieme alla zia della giovane. Secondo quanto è emerso dalle indagini, il medico non avrebbe usato anestetici né avrebbe avuto il supporto di infermieri.

Giuseppe Acconcia è giornalista professionista e docente di Geopolitica del Medio Oriente all'Università di Padova. Dottore di ricerca in Scienze Politiche all'Università di Londra, è stato Visiting Scholar all'Università della California (UCLA – Centro Studi per il Vicino Oriente), docente all'Università Bocconi e all'Università Cattolica di Milano (Aseri), borsista di ricerca all’Università di Pavia, è membro del Comitato scientifico della Scuola di Torino di regolamentazione locale. Si occupa di movimenti sociali e giovanili, politiche del lavoro, Studi iraniani e curdi, Stato e trasformazione in Medio Oriente. Si è laureato alla School of Oriental and African Studies di Londra, è stato corrispondente dal Medio Oriente per testate italiane, inglesi ed egiziane (Il Manifesto, The Independent, Al-Ahram), vincitore del premio Giornalisti del Mediterraneo (2013), autore del documentario radiofonico per Radio 3 Rai “Il Cairo dalle strade della rivoluzione”. Intervistato dai principali media mainstream internazionali (New York Times, al-Jazeera, Rai), è autore de Migrazioni nel Mediterraneo (FrancoAngeli, 2019), The Great Iran (Padova University Press, 2018), Egitto. Democrazia militare (Exorma, 2014) e La primavera egiziana (Infinito, 2012). Ha pubblicato per MERIP, Il Mulino, Le Monde diplomatique, Social Movement Studies, The International Spectator, Carnegie Endowment for International Peace, Policy Press, Edward Elgar, Limes e Palgrave.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Giuseppe Acconcia

Giuseppe Acconcia è giornalista professionista e docente di Geopolitica del Medio Oriente all'Università di Padova. Dottore di ricerca in Scienze Politiche all'Università di Londra, è stato Visiting Scholar all'Università della California (UCLA – Centro Studi per il Vicino Oriente), docente all'Università Bocconi e all'Università Cattolica di Milano (Aseri), borsista di ricerca all’Università di Pavia, è membro del Comitato scientifico della Scuola di Torino di regolamentazione locale. Si occupa di movimenti sociali e giovanili, politiche del lavoro, Studi iraniani e curdi, Stato e trasformazione in Medio Oriente. Si è laureato alla School of Oriental and African Studies di Londra, è stato corrispondente dal Medio Oriente per testate italiane, inglesi ed egiziane (Il Manifesto, The Independent, Al-Ahram), vincitore del premio Giornalisti del Mediterraneo (2013), autore del documentario radiofonico per Radio 3 Rai “Il Cairo dalle strade della rivoluzione”. Intervistato dai principali media mainstream internazionali (New York Times, al-Jazeera, Rai), è autore de Migrazioni nel Mediterraneo (FrancoAngeli, 2019), The Great Iran (Padova University Press, 2018), Egitto. Democrazia militare (Exorma, 2014) e La primavera egiziana (Infinito, 2012). Ha pubblicato per MERIP, Il Mulino, Le Monde diplomatique, Social Movement Studies, The International Spectator, Carnegie Endowment for International Peace, Policy Press, Edward Elgar, Limes e Palgrave.

Leggi anche