×

Farnesina, la replica del ministero alle minacce della Russia: sotto attacco anche Guerini

La Farnesina non ha paura delle minacce della Russia e risponde a tono.

Farnesina

La Farnesina ha dimostrato di non aver paura delle minacce della Russia. In una nota, il nostro ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha comunicato che non si tirerà indietro.

La farnesina risponde alle minacce della Russia

Nella nota si legge che la Farnesina “respinge con fermezza le dichiarazioni minacciose del Direttore del Dipartimento europeo del ministero degli Esteri russo Alexei Paramonov, secondo cui eventuali nuove sanzioni nei confronti della Federazione Russa comporterebbero conseguenze irreversibili per l’Italia“.

Si aggiunge inoltre, che l’Italia, insieme agli altri Paesi dell’Unione Europea, continuerà a fare pressione sulla Russia.

Paramonov attacca l’italia citando la Francia

Le minacce del Cremlino sono arrivate oggi, 19 marzo 2022, in tarda mattinata. Paramonov, guidato dal leader russo Vladimir Putin, ha attaccato l’Italia in quanto sa bene della dipendenza economica, soprattutto in campo energetico, tra noi e la Federazione Russa. Queste minacce sono state rivolte a tutti gli Stati europei e agli USA.

Ad attaccare verbalmente la Russia è stato il ministro dell’Economia francese, che ha parlato di “guerra economica e finanziaria totale“. A tal proposito, Parmonov ha dichiarato: “Non vorremmo che la logica delle dichiarazioni del ministro trovasse seguaci in Italia e provocasse una serie di corrispondenti conseguenze irreversibili”.

Preso di mira il ministro Guerini, la replica di Draghi

Il Cremlino ha attaccato il nostro ministro della Difesa, definendolo “falco ispiratore della campagna antirussia“.

Se Guerini è stato menzionato dal governo di Mosca è perché durante la pandemia aveva chiesto aiuto alla Federazione Russa. All’epoca dei fatti, la Russia “rispose con un’assistenza significativa“. A prendere le difese del ministro e a replicare alla Russia è il nostro Presidente del Consiglio. Mario Draghi ha affermato: “Esprimo piena solidarietà al Ministro della Difesa, Guerini, vittima di attacchi da parte del Governo russo. Il paragone tra l’invasione dell’Ucraina e la crisi pandemica in Italia è odioso e inaccettabile“.

Il presidente Draghi ha inoltre aggiunto: “Il Ministro Guerini e le forze armate sono in prima linea per difendere la sicurezza e la libertà degli italiani. A loro va il più sentito ringraziamento del Governo e mio personale”.

Contents.media
Ultima ora