×

Festa per lo scudetto dell’Inter, Locatelli: “Non possiamo permettercelo, rispetto per i morti”

Locatelli sulla festa scudetto dell'Inter in Piazza del duomo a Milano: "Non possiamo permettercelo".

Festa scudetto Inter Locatelli

Nella giornata di ieri, domenica 2 maggio, l’Inter ha avuto la matematica certezza di aver vinto il campionato di Serie A, riconoscimento che da diversi anni mancava in casa nerazzurra. L’euforia dei tifosi è stata incontenibile e molti di loro si sono ritrovati davanti al Duomo di Milano per la festa scudetto, facendo venir meno le più elementari regole di distanziamento e divieto di assembramento.

Immediate sono state le polemiche sui social dei molti che nel vedere quella piazza piena di persone hanno pensato alle conseguenze che questa potrebbe avere per la salute pubblica, più che alla vittoria dello scudetto dell’Inter.

Locatelli sulle festa scudetto dell’Inter

Sul tema si è espresso il presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Cts, Franco Locatelli, che ai microfoni di a Sky Tg24 ha detto: “Assolutamente non possiamo permetterci scene del genere.

Vanno evitati gli assembramenti anche se la gioia si può comprendere. Ma deve prevalere il senso di responsabilità e rispettare i 121mila morti che abbiamo avuto in Italia. La situazione non è ancora sotto controllo”. Ad essere sotto accusa è il sindaco della città di Milano, Beppe Sala, colpevole per molti di non aver previsto quello che sarebbe potuto accadere e di non aver chiuso la piazza per evitare che il popolo nerazzurro si ritrovasse tutto li.

Festa scudetto Inter, le parole di Locatelli

“I casi di covid – ha aggiunto Locatelli – sono scesi a 148 ogni 100mila persone, ma la circolazione virale non può essere ancora sottovalutata. C’è un miglioramento ma non può esserci rilassamento rispetto ai nostri comportamenti”. La soglia dell’attenzione deve dunque rimanere sempre molto alta, in quanto non sarebbe ancora il momento per Locatelli di “riflessioni sulla possibilità che fra vaccinati si possa non portare la mascherina”. Solo quando ci saranno più immunizzati si potrà tornare ad un maggiore normalità.

Locatelli: “Festa scudetto Inter? Non possiamo permettercelo”

“Si tratta di un sacrificio minimo – ha concluso Locatelli – teniamo duro ancora per qualche settimana o qualche mese, per prudenza dobbiamo orientarci all’uso della mascherina anche d’estate, poi se i contagi diminuiranno si rivedranno le regole”.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora