×
a cura di

Pistelli, Eni: il Recovery Fund permette la transizione energetica

a cura di
Condividi su Facebook

Patuanelli: le progettualità sui fondi dovranno essere presentate entro il 31 dicembre di quest'anno al posto dell'iniziale scadenza del 15 ottobre

LAPO PISTELLI ENI

“Il Recovery Fund rappresenta una opportunità irripetibile per il nostro paese, per il sistema produttivo, per realizzare una massiccia serie di investimenti per permettere al paese anche quella transizione energetica, il cosiddetto new green deal e l’accordo di Parigi, di qualche anno fa, ci mette davanti ad una sfida straordinaria a partire dalla riduzione dell’emissione dei gas serra nell’atmosfera”.

Lo ha affermato Lapo Pistelli, direttore public affairs Eni, nel corso dell’audizione in commissione Bilancio della Camera, sul Recovery Fund. “La vera sfida è diventare protagonisti di innovazione e sviluppi tecnologici grazie alle straordinarie possibilità di filiera che possiamo aprire negli ultimi decenni Eni ha vinto, insieme all’Italia, la scommesso della sicurezza energetica del paese. Gli obiettivi di domani? Nel mondo da qui al 2050 c’è da fornire a nove miliardi persone energia pulita e sostenibile, senza compromettere la temperatura del pianeta, in Italia abbiamo un problema: dobbiamo combinare la sicurezza energetica, combattere la povertà energetica tenere alto l’obiettivo di riduzione dell’emissione di C02”.

Pistelli ha spiegato che Eni per il Recovery “lavorerà su tre pilastri: quello centrale, è il progetto di cattura e stoccaggio della C02 a Ravenna, elemento essenziale per la decarbonizzazione, poi c’è il tema di come introdurre sul mercato prodotti nuovi dedicati alla decarbonizzazione del settore dei trasporti” ha aggiunto Pistelli.

Patuanelli: i tempi del Recovery Fund si sono allungati in tutta Europa

“Si è detto che il nostro Paese aveva richiesto un allungamento dei tempi, ma ciò dipende solamente dalla volontà della Commissione.

È notizia di questi giorni che ci sarà un’iniziale interlocuzione nelle prossime settimane e per chi vorrà l’anticipo del 10% nel primo semestre del 2021 le progettualità dovranno essere presentate entro il 31 dicembre di quest’anno al posto dell’iniziale scadenza del 15 ottobre”. Lo ha affermato Stefano Patuanelli, ministro dello Sviluppo Economico, nell’audizione presso la Sala del Mappamondo sul Recovery Fund. “Noi siamo pronti per un progetto ovviamente work in progress, il fatto di avere più tempo ci permetterà di entrare ancora più in profondità” ha aggiunto Patuanelli.

Di Maio a Conte: Mes, non facciamo il gioco di chi ci vuole dividere

“Credo che il presidente Conte abbia detto la stessa cosa che diceva da mesi. Ma noi come governo stiamo lavorando sul Recovery fund, sui progetti della nostra prossima legge di bilancio e questo deve essere l’obiettivo. Discutere di altro significa fare il gioco di chi ci vuole dividere”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervistato a Tg2 Post, a proposito della presunta apertura del premier al ricorso al Mes.

Più che un semplice giornale, un vero strumento al servizio delle imprese. Una “piattaforma” di informazione specialistica che, nella doppia versione cartacea e digitale, indaga a fondo “l’economia che cambia” per raccontarla alla classe dirigente, ai manager, agli startupper, a chi vuol fare impresa.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione di Investire

Più che un semplice giornale, un vero strumento al servizio delle imprese. Una “piattaforma” di informazione specialistica che, nella doppia versione cartacea e digitale, indaga a fondo “l’economia che cambia” per raccontarla alla classe dirigente, ai manager, agli startupper, a chi vuol fare impresa.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.