×

Gasolio e bitume nel canale: divieto di balneazione a Follonica

A causa del ritrovamento di gasolio e bitume nel canale fognario, il comune di Follonica ha deciso di mettere il divieto di balneazione in spiaggia.

divieto balneazione follonica

Nel depuratore dell’acqua di Campo Vangino, in provincia di Follonica, si è verificato un ingresso anomalo di gasolio e bitume che ha costretto gli addetti ai lavori a installare il divieto di balneazione momentaneo nel tratto di spiaggia adiacente alla foce Fiumara.

Ancora sconosciute le cause dell’ingresso anomalo del materiale

Follonica, divieto di balneazione per presenza di gasolio e bitume

Nel pomeriggio di vnerdì 9 luglio 2021 gli addetti ai lavori dell‘Acquedotto del Fiora a Follonica hanno riscontratto un “ingresso anomalo” nella fognature, più precisamente tracce di gasolio e bitume.

Il versamento di questi liquidi inquinanti probabilmente risale alla mattian dello stesso giorno, ma l’anomalia è stata segnalata solo nelle prime ore del pomeriggio.

Divieto di balneazione a Follonica, l’intervento sull’acquedotto

Per questo motivo l’azienda si è adoperata per mettere in pratic atutte le misure previste in questi casi, limitando il più possibile disservizi e tutelare la qualità dei ricettori cittadini.

Il Comune di Scarlino ha immediatamente posto il divieto di balneazione nel tratto di spiaggia adiacente alla foce Fiumara, per precauzione e tutelare la salute dei bagnanti.

Divieto di balneazione a Follonica: si cercano le cause del disservizio

Al momento non si sa con certezza cosa sia successo, ma secondo i primi rilevamenti dell’azienda fognaria, pare che il disagio sia stato causato da un intervento esterno alla rete fognaria.

Continuano i lavori di manutenzione e pulizia della rete fognaria, e anche il Comune di Follonica si è attivata per la gestione dell’emergenza, ma al momento non ha predisposto alcune ordinanza.

Oltre ai controlli e misure adottati presso il depuratore, il comune si è attivato per verificare la qualità dell’intera rete fognaria locale.

In questo caso l’Acquedotto del Fiora provvederà a coordinarsi con le autorità competenti affinché vengano fatti tutti i necessari accertamenti e verifiche all’ingresso anomalo del gasolio e bitume.

La situazione rimane sotto controllo e in costante monitoraggio da parte degli operatori comunali, per garantire ai cittadini la sicurezza.

In attesa dei risultati delle verifiche in corso – spiega la sindaca di Scarlino Francesca Travison – per precauzione, abbiamo emesso un’ordinanza di divieto di balneazione“.

Stiamo monitorando la situazione con tutti gli enti coinvolti e se i residui non arriveranno in mare revocheremo l’ordinanza”, così conclude la prima cittadina del paese toscano.

Contents.media
Ultima ora