Gli studenti tornano in piazza: "Questa alternanza non la vogliamo, il tempo è nostro e ce lo prendiamo"
Gli studenti tornano in piazza: “Questa alternanza non la vogliamo, il tempo è nostro e ce lo prendiamo”
Genova

Gli studenti tornano in piazza: “Questa alternanza non la vogliamo, il tempo è nostro e ce lo prendiamo”

studenti

Gli studenti genovesi tornano in piazza con l'obiettivo di protestare contro la riforma scuola-lavoro con lo slogan " ... il tempo ce lo prendiamo ..."

Il concentramento degli studenti che aderiscono allo sciopero per contrastare la riforma per lo sciopero scuola-lavoro è avvenuto alle 9 di questa mattina. La tappa del presidio è ai piedi di Palazzo Ducale, in piazza Matteotti. La scaletta della mobilitazione sta portando avanti quattro momenti: una prima mezz’ora di assemblea sulle motivazioni della protesta e i principali problemi del sistema. Per dividersi in due gruppi di lavoro con i compiti di concentrarsi sulle proposte alternative di organizzazione dell’alternanza scuola lavoro e l’altro concernente il diritto allo studio. Gli alunni sono passati per via San Lorenzo, hanno fatto il giro di San Giorgio e poi sono arrivati in piazza Matteotti dove resteranno in presidio fino all’assemblea finale.

Studenti, la riforma

La protesta da parte degli studenti è nata per contrastare la riforma dei programmi di alternanza che è passata in questi giorni. Dunque, una presa di posizione contro i voucher messi a concorso nelle Camere di commercio italiane per le aziende che offrono periodi di formazione agli studenti – 17 mila nella sola Genova -.

Le ore saranno obbligatorie per l’intero triennio conclusivo delle superiori suddivise in 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnici.

Il responsabile di Uds, Andrea Nicolini, spiega in merito: “Il problema principale sta nel fatto che non ci viene offerta una vera formazione che abbia una reale attinenza con i corsi di studio. In pratica si tratta di un vero e proprio sfruttamento legalizzato con studenti che si trovano impiegati senza avere le giuste informazioni su, ad esempio, le situazioni di pericolo che si possano verificare sul posto di lavoro”.

I giovani, studenti del Deledda e del liceo Classico D’Oria ma anche delle scuole di tutte le città tra cui l’istituto Gobetti, Barabino, Calvino, Leonardo Da Vinci, Fermi, Colombo e Pertini lamentano difatti le modalità su cui è stata impostata la nuova alternanza scuola-lavoro. Nell’attuale organizzazione del sistema le aziende coinvolte nella formazione non dedicano particolare attenzione alla preparazione del ragazzo.

E, inoltre, il tipo di mansioni che sono chiamati a svolgere durante l’alternanza risulta essere completamente slegata al tipo di corso di studi seguito.

La risposta delle istituzioni è quella di mettere alla prova i ragazzi all’interno del mondo del lavoro, sperimentando le difficoltà che si incontrano tutti i giorni ad affrontare una attività lavorativa.

Anche a Catanzaro è in atto la protesta degli studenti.

La Rete degli studenti Medi coordinata da Gianfranco Manfreda spiega: “Siamo stanchi di una politica che non ascolta gli studenti. Si parla di rilancio del paese, di Pil e di sviluppo. Il dato che rimane costante è il sotto finanziamento della scuola pubblica. Offre un diritto allo studio completamente assente di fronte agli alti costi della scuola, alimenta i tassi di malcontento scolastica mortificando gli studenti che, oltremodo, li vede ogni giorno andare a scuola in condizioni di estrema difficoltà trovandosi in edifici pericolanti e fatiscenti. Desideriamo una scuola gratuita, accessibile a tutti, che stimoli nel percorso di crescita e non siamo più disposti ad abbracciare ignobili compromessi spesso obbligati più che sentiti.

“Questa alternanza non la vogliamo, il tempo è nostro e ce lo riprendiamo“, uno degli slogan gridati a gran voce dal coro numerosissimo del corteo. Slogan lanciato in questa giornata che vede riorganizzarsi il movimento studentesco genovese dopo anni di assenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche