×

Permesso di soggiorno: cosa serve per ottenerlo

Sono moltissimi gli stranieri che chiedono il permesso di soggiorno una volta arrivati in Itala. Scopri come fare.

extracomunitari permesso
permesso di soggiorno

Il permesso di soggiorno è quel documento che serve ai cittadini extracomunitari per restare e lavorare nel nostro territorio. Si tratta di un documento strettamente personale che viene rilasciato esclusivamente in presenza di determinati requisiti. Ecco tutte le informazioni utili per ottenere il permesso di soggiorno.

I requisiti per ottenere il permesso di soggiorno

Per ottenere il permesso di soggiorno occorre essere in possesso di alcuni requisiti indispensabili. Innanzitutto, si deve avere un visto di ingresso che è un documento che devono possedere tutti i cittadini extracomunitari che entrano nel nostro paese, anche solo per motivi turistici. Si deve trattare, poi, di un ingresso in Italia regolare, ossia effettuato secondo quanto prescrive l’articolo 4 del Decreto Legislativo 268 del 1998, anche conosciuto come Testo Unico sull’Immigrazione.

Infine non deve essere oggetto di decreto di espulsione e non devono sussistere motivazioni per le quali è impedito il rilascio del permesso di soggiorno.

Solitamente il permesso viene rilasciato in caso di ricongiungimento familiare, in presenza di contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato oppure stagionale, per motivi di culto e di attività sportiva, per motivi di studio. Il permesso di soggiorno può essere rilasciato anche per motivi sanitari e per cure mediche. Ogni tipologia di permesso di soggiorno ha una durata temporale massima che non può essere derogata.

Come ottenere il permesso di soggiorno

Il permesso di soggiorno può essere ottenuto previa presentazione e approvazione della domanda da parte delle autorità competenti. La domanda deve necessariamente essere presentata entro otto giorni lavorativi dal primo ingresso in Italia. Tutta la documentazione può essere presentata presso gli sportelli degli uffici postali che sono abilitati a questo servizio, quelli che vengono contrassegnati dalla dicitura Sportello Amico.

In alcuni casi, però, e per particolari categorie di permesso di soggiorno, la domanda deve necessariamente essere presentata direttamente presso gli uffici della Questura di competenza.

Si può derogare al termine degli otto giorni lavorativi esclusivamente in presenza di impedimenti di forza maggiore come ad esempio un ricovero ospedaliero. La ricevuta che si ottiene dopo la presentazione della domanda costituisce titolo provvisorio. Le autorità competenti hanno 60 giorni di tempo per rispondere alla domande di permesso di soggiorno e durante questo lasso di tempo il richiedente può liberamente circolare su tutto il territorio nazionale.

I costi per ottenere il permesso di soggiorno

Per ottenere il permesso di soggiorno occorre affrontare alcuni costi. Questo variano in base alla durata del permesso di soggiorno. In particolare, le spese amministrative equivalgono a € 16 per la marca da bollo che deve necessariamente essere applicata sulla domanda; € 30 per le spese postali, in particolare il rilascio della tessera; infine un costo variabile fra gli 80 e i 200 euro in base alla durata del permesso di soggiorno.

Ci sono tuttavia alcuni casi nei quali non esiste l’obbligo di versamento, ad esempio il ricongiungimento familiare per i minori, i permessi per cure mediche e il permesso per i richiedenti asilo politico. Il permesso di soggiorno non sostituisce i documenti di identità (carta di identità e codice fiscale) che devono comunque essere richiesti per soggiornare nel nostro paese.

Rinnovo del permesso di soggiorno

Ogni permesso di soggiorno ha una sua durata e presenta dunque una data di scadenza. Se si intende restare in Italia oltre la data di scadenza per permesso di soggiorno occorre richiedere il rinnovo. Anche questa pratica ha la sua procedura specifica. Il rinnovo deve essere richiesto entro il sessantesimo giorno prima della scadenza del permesso precedente. Se trascorrono 60 giorni dalla scadenza dello stesso senza la presentazione del rinnovo si rischia l’espulsione dal nostro paese. Per ottenere il rinnovo devono sussistere le condizioni valide per la prima richiesta: il venir meno anche solo di uno di essi può provocare il rifiuto del rinnovo da parte del Prefetto. La domanda per il rinnovo del permesso di soggiorno va presentata sempre presso gli uffici postali competenti che sono abilitati all’operazione.

Revoca del permesso di soggiorno

Ci sono alcuni casi nei quali è possibile che il permesso di soggiorno possa essere revocato. Di solito il permesso viene revocato quando viene meno una delle condizioni che ne avevano decretato il rilascio originario. In questi casi il richiedente può presentare ricorso al TAR competente. Nel caso, invece, che venga negato il ricongiungimento familiare il ricorso deve essere presentato al giudice ordinario in quanto si tratta di un rifiuto che lede il diritto all’unità familiare. Ogni revoca o rifiuto di permesso di soggiorno deve essere dettagliatamente motivata da parte delle autorità competenti.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche