Hawaii, una bomba di lava colpisce un barca
Hawaii, una bomba di lava colpisce una barca
Esteri

Hawaii, una bomba di lava colpisce una barca

Hawaii, una bomba di lava colpisce una barca

Una bomba di lava sparata dal vulcano Kilauea ha colpito una barca, ferendo 23 turisti. La barca navigava per mostrare ai turisti le eruzioni.

Una bomba di lava, proveniente da un vulcano, ha colpito una barca sfondandone il tetto e distruggendone una ringhiera, lunedì 17 luglio 2018, alle Hawaii. Una vicenda che poteva finire in tragedia, ma i vigili del fuoco fanno sapere che al momento sono 23 le persone ferite dal proiettile. Le autorità non sanno dire quando effettivamente la bomba sarebbe esplosa, ma facendo un calcolo approssimativo, i vigili del fuoco hanno ipotizzato che la barca potrebbe essere stata centrata dalla bomba di lava a un’ora dalla sua partenza dal porto.

Un vulcano sempre attivo

Una tragedia sfiorata di poco. Il centro medico Hilo ha confermato alla CNN che presso la struttura sono ricoverate 13 persone, ferite dalla bomba di lava. Altre 10, invece, hanno ricevuto subito i soccorsi una volta che la barca è tornata al Wailoa Harbor, ma le ferite non erano gravi. Più difficile a dirsi per quanto riguarda i ricoverati in ospedale: stando a quanto riportato dalla CNN 3 passeggeri sono stabili, mentre invece una donna sulla ventina è in condizioni critiche, e ha riportato una grave frattura al femore.

Un rapporto pesante, ma che poteva avere esiti ancora più gravi.

Secondo la ricostruzione fatta dalle autorità, la barca è intestata a una compagnia specializzata in tour attorno alle acque su cui si affaccia il vulcano Kilauea, famoso per le sue eruzioni spettacolari. Proprio dal suo cratere è stata sparata la bomba di lava che ha colpito la barca. Un monumento naturale affascinante, ma anche pericoloso. Stando ai rapporti dei vigili, infatti, da quando il vulcano è entrato in attività il 3 maggio 2018, con le sue eruzioni ha distrutto centinaia di case. Le stesse esplosioni di lava di Kilauea sono il piatto forte del cosiddetto “lava-tour” in barca, che ha attirato tantissimi turisti, incuriositi dalla visione del vulcano in attività.

Il fascino dei vulcani

I vulcani sono una delle principali attrazioni turistiche naturali: essi rappresentano la forza incontrollabile della Terra, l’insondabile potenza distruttiva della Natura. Non per nulla gli antichi greci credevano che la fucina del dio dei metalli Efesto fosse dentro al vulcano dell’isola di Vulcano, o che l’Etna – in Sicilia – fosse in realtà la prigione terribile e minacciosa del mostro Tifone, il padre di tutte le creature mostruose e nemico giurato degli dei. Oggi, i vulcani continuano ad affascinare i turisti di tutto il mondo per gli stessi motivi che inducevano gli antichi greci a temerli. Non è un caso che nella cultura pop i vulcani abbiano un ruolo di primo piano.

Si pensi per esempio al film Dante’s peak – La furia della Montagna, campione d’incassi nel 1997, dove Pierce Brosnan, nei panni di un geologo, cerca di salvare una piccola cittadina americana dall’eruzione catastrofica di un vulcano. Si pensi anche a Star Wars Episodio III – La vendetta dei Sith, del 2005, dove per ricreare digitalmente il set del pianeta lavico di Mustafar, nel 2005, George Lucas chiese espressamente di utilizzare immagini di riprese dell’Etna in eruzione. Oppure ancora il leggendario Monte Fato, meta ultima del difficilissimo viaggio degli hobbit di Tolkien e di Peter Jackson nella terribile impresa di gettare il diabolico anello di Sauron tra le fiamme del vulcano, il solo in tutta la Terra di Mezzo ad essere in grado di distruggerlo, secondo quanto raccontato nel Signore degli anelli. I vulcani sono magnetici per la loro stessa natura, ma il loro fascino può essere letale.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Danneo
Andrea Danneo 258 Articoli
Palermitano di nascita, milanese acquisito, ho iniziato a scrivere di Rugby e di Basket sul web. Dopo una bella esperienza in un sito di informazione locale, mi sono laureato in Lettere moderne a Milano e ho concluso la mia formazione alla scuola di Giornalismo dell'Università Cattolica. Lettore di libri incallito, inseguo il sogno di raccontare le piccole e grandi storie, sia in forma scritta, sia in video.