×

Il gas tocca i 315 euro per Megawattora, il piano del governo: due gradi in meno in casa

Non c'è più tempo per le strategie previsionali: nelle case private le temperature rischiano di essere ridotte di 2°C e verrebbe limitato anche l’orario d’accensione

Quota record per il gas

Nelle quotazioni ad Amsterdam della prima mattinata di oggi, 25 agosto, il prezzo del gas ha toccato i 315 euro per Megawattora e adesso il governo Italiano, non solo a traino di una preoccupata Ue, è obbligato ad accelerare più di quanto non abbia fatto con gli step messi in campo finora.

Il prezzo poi è “sceso” a quota 310 euro ma la soglia di allarme, quella psicologica di 300 e quella fattuale di 275, è stata bella che superata.

Il gas tocca i 315 euro per Megawattora

Nella giornata del 24 agosto il prezzo massimo era stato di 302,99 euro e il dato di fatto è che il mercato di Amsterdam è ormai fuori controllo e isterico, cioè potrebbe fare ancor più danni di quanti non ne abbia fatto l’effetto boomerang della reazione di Mosca alle sanzioni sulla guerra all’Ucraina.

Ci sono due piani di crisi infatti: quello che al prezzo del gas può fare la geopolitica e quello che al prezzo del gas possono fare le speculazioni che sulla geopolitica poggiano, perciò in Italia è allarme vero.

Il piano del governo

Abbassando la temperatura delle abitazioni private. Con una riduzione fino a 3°C, si otterrebbe un risparmio di circa 30 milioni di metri cubi al giorno, quasi il 50% del consumo medio giornaliero di tutto il settore industriale.

Le misure prevedono tre livelli di emergenza, a seconda dell’aggravarsi della situazione. Tra quelle già scattate c’è la riduzione della temperatura negli uffici pubblici che non potrà essere superiore a 19°C in inverno e inferiore ai 27°C in estate

Prevedendo lo scenario più grave che porterebbe all’applicazione delle misure del terzo livello d’emergenza, i tagli sarebbero invece più drastici. Nelle case private le temperature dovranno essere ridotte di 2°C e verrebbe limitato anche l’orario d’accensione

La misura e la battaglia di Draghi

E a Palazzo Chigi, come l’hanno presa? Il governo italiano si sta preparando allo scenario peggiore ma pare non consideri l’austerity come misura estrema plausibile. Cosa accadrebbe in quel frangente o, per dirla meglio, cosa sta per accadere? Limitazione di un’ora dell’accensione dei riscaldamenti e delle temperature interne a 19°, norme per il risparmio che il Ministero della Transizione Ecologica di Roberto Cingolani sta preparando ed applicazione anticipata delle stesse. Il tutto con una constatazione di fatto: quella che Mario Draghi aveva lasciato in eredità all’esecutivo subentrante è diventata la battaglia campale e finale del suo, di esecutivo.

Contents.media
Ultima ora