Ilva di Taranto, operaio muore in incidente sul lavoro
Ilva di Taranto, operaio muore in incidente sul lavoro
Cronaca

Ilva di Taranto, operaio muore in incidente sul lavoro

Ilva

Operaio dell'Ilva muore in un incidente sul lavoro dopo le gravi ferite subite. Si tratta del quinto caso di morte sul lavoro da aprile 2018.

E’ morto l’operaio dell’Ilva rimasto coinvolto nel tragico incidente sul lavoro avvenuto nell’area Ima. Il dipendente aveva 35 anni e lavorava nell’impresa appaltatrice Ferplast. L’operaio si è spento dopo essere stato soccorso per le gravi ferite riportate nel sinistro. L’episodio riportato costituisce il quinto caso di morte sul lavoro dall’inizio di aprile 2018.

Ilva di Taranto: muore operaio

Si tratta dell’ennesimo caso di incidente sul lavoro quello che ha visto la morte di un operaio dell’Ilva di Taranto. Antonio Talò, segretario Uilm Taranto, ha spiegato la dinamica dei fatti. L’infortunio sarebbe avvenuto mentre il lavoratore stava cambiando la fune ad una delle gru che scaricano i minerali che servono alla produzione dell’acciaio. La corda, molto pesante, si sarebbe staccata dall’alloggiamento del carro ponte, colpendo il dipendente e ferendolo. Il lavoratore è stato immediatamente trasportato al Pronto Soccorso, ma i tentativi dei medici sono stati inutili. L’uomo si è spento a causa dei traumi.

I sindacalisti si sono recati sul posto dell’incidente per comprendere appieno la dinamica dei fatti.

Marco Bentivogli, segretario generale Fim Cisl, ha lanciato la tragica notizia su Twitter. “BASTA!” conclude Bentivogli nel tweet.

Precedenti

Il caso riportato rappresenta il quinto episodio di incidente sul lavoro verificatosi tra aprile e maggio 2018. Tre operai erano già rimasti gravemente feriti nelle Acciaierie Venete, un operaio era deceduto a Carrara, un ragazzo di 19 anni di Montefalcone era stato schiacciato da un carico di 700 chilogrammi, sotto gli occhi del padre e del fratello, e un uomo di 56 anni era morto nel Porto di La Spezia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche