> > Investita da una limousine con la figlia, morta dopo il ricovero

Investita da una limousine con la figlia, morta dopo il ricovero

Era stata centrata da una limousine ed è morta dopo 5 giorni di agonia

Indagine della magistratura di Busto Arsizio su una donna investita da una limousine con la figlia e morta dopo il ricovero del 23 dicembre

Tragedia in Lombardia, dove in provincia di Varese una donna investita da una limousine con la figlia è morta dopo il ricovero avvenuto il 23 dicembre su cui indagano i carabinieri.

Una lunga agonia per una 48enne di origine senegalese vittima di un sinistro a Nerviano. La vittima di chiamava Magatte Sow e da quanto si apprende stava attraversando le strisce pedonali con la figlia di soli 11 anni quando il grosso mezzo l’aveva centrata. 

Investita da una limousine con la figlia

Da quanto si apprende una iniziale prognosi di 30 giorni per una frattura delle vertebre lombari senza lesione del midollo è diventata un evento clinico severo con esito purtroppo estremo.

La vittima era stata trasportata d’urgenza all’ospedale di Legnano dove è deceduta per un arresto cardiaco. Le indagini sulla morte della 48enne sono affidate ai carabinieri della compagnia di Legnano guidati dal maggiore Alfonso Falcucci. I militari stanno raccogliendo elementi su input della Procura di Busto Arsizio che ha disposto una autopsia che verrà effettuata nei prossimi giorni. 

La procura dispone l’esame autoptico

La vittima, residente a Cerro Maggiore, era stata investita intorno alle 19.15 del 23 dicembre.

Secondo Il Giorno alla guida della limousine, auto “di enormi dimensioni normalmente noleggiate per una sera o per eventi speciali, un italiano, classe 1961”. La bambina era stata trattenuta in osservazione nel reparto di pediatria ma non sarebbe mai stata in pericolo di vita.