×

Lecce, tumore di 10 chili asportato senza trasfusione ad una paziente testimone di Geova

Lecce, tumore di 10 chili asportato senza trasfusione ad una paziente testimone di Geova. L'equipe del dottor Spampinato ha operato con pieno successo

L'equipe al lavoro

Straordinario intervento chirurgico a Lecce, dove un tumore di 10 chili è stato asportato senza trasfusione ad una paziente testimone di Geova. Il caso aveva avuto precedenti anche più clamorosi, ma questo era particolarissimo.  Ad operare presso l’ospedale Vito Fazzi l’equipe del dottor Marcello Spampinato, direttore di Chirurgia generale.

Ed è una equipe che ha saputo coniugare efficienza assoluta in medicina e rispetto per le regole religiose dei testimoni di Geova. Che significa? Che il team del professor Spampinato non solo rimuove tumori giganti, ma lo fa anche evitando, ove clinicamente possibile, le trasfusioni di sangue. Trasfusioni che per i testimoni di Geova sono vietate. E l’equipe del professor Spampinato lo ha fatto operando con pieno successo una donna che aveva un tumore di 10 chili. 

Lecce, tumore di 10 chili asportato senza trasfusione ad una paziente testimone di Geova: intervento difficilissimo

Parliamo di un intervento di assoluta difficoltà che presentava quella aggiuntiva di non ricorrere alla trasfusione di sangue; in casi simili non sono pochi gli spot sanitari che si tirano indietro. I testimoni di Geova hanno regole e liturgie molto specifiche e non possono sottostare a trasfusioni perché interpretano la Bibbia in maniera letterale e citano il passo in cui Dio vieterebbe di “nutrirsi di sangue”. Per un testimone di Geova la trasfusione non è quindi una metafora superabile, ma un atto fatto concreto oggetto di un divieto preciso. 

Lecce, tumore di 10 chili asportato senza trasfusione ad una paziente testimone di Geova. Le parole del predicatore

Lo ha spiegato bene ai media dopo la vicenda il predicatore Bruno Bargiacchi:  “Siamo contro le trasfusioni perché la Bibbia dice che è vietato nutrirsi di sangue e la trasfusione è come un nutrimento quando entra in vena. Noi ci rivolgiamo a poche équipe mediche che sono preparate per queste operazioni. Abbiamo una rete di informazione sanitaria che ci permette di rivolgerci anche a chi conosce la ‘medicina senza sangue’”. 

Lecce, tumore di 10 chili asportato senza trasfusione ad una paziente testimone di Geova. Parla il chirurgo

E malgrado questo ostacolo e in piena ottemperanza a ciò che esso eticamente sostanzia e comporta in quanto a protocolli operativi il professor Spampinato è riuscito ad asportare quella massa neoplastica immane da 10 kg. Ha spiegato il chirurgo al Corriere Salentino:  “È andata bene. Contiamo di dimettere la paziente tra qualche giorno. Non è stato necessario trasfondere. Ma la sala è stata predisposta con un sistema di recupero sangue a circuito chiuso per eventuale utilizzo del sangue perso. Sono tumori rari che si sviluppano nello spazio retroperitoneale dell’addome dislocando gli organi vicini e, pertanto, danno segno della loro presenza solo tardivamente”.

Contents.media
Ultima ora