×

Il presidente della giuria Mauro Pagani: “Ultimo accetti la sconfitta”

Mauro Pagani, presidente della giuria di qualità, spiega perchè ha scelto di premiare Mahmood e non Ultimo da Massimo Giannini a Circo Massimo su Capital.

sanremo 2019
sanremo 2019

Il presidente della giuria d’onore Mauro Pagani esce allo scoperto e spiega perché la giuria ha preferito Mahmood a Ultimo: “È un periodo nel quale pare che qualunque parere che non sia il parere popolare tout court è visto con sospetto. E c’è la tendenza, secondo me non bellissima, secondo cui proprio il parere popolare deve vincere su tutto” spiega l’esperto Mauro Pagani da Massimo Giannini a Circo Massimo su Radio Capital. Pagani, polistrumentista navigato, è stato designato come presidente della giuria di qualità che ha incoronato Mahmood vincitore del festival, a discapito di Ultimo. “In qualunque forma d’arte, soprattutto per le novità, il parere degli esperti è fondamentale per lo sviluppo della storia di quell’arte stessa. Pensate a cosa sarebbe stato, nella storia della pittura, senza le segnalazioni dei critici.

Il parere di uno che dice provate ad ascoltare questo o quello è fondamentale”.

“Il pezzo di Mahmood è il più ascoltato…”

“I pezzi ci erano stati mandati, la scelta di ognuno di noi è stata consigliata da un ascolto ponderato e ripetitivo di ognuna delle canzoni” precisa l’ex PFM, che poi avvalora il brano presentato da Mahmood: “Da subito, non c’è stato dubbio né tentennamento nel dare la vittoria a Mahmood. Per noi, e per me personalmente, ‘Soldi’ è la canzone più moderna, meglio realizzata e più interessante del festival. È stata premiata la modernità ma anche la qualità. Io faccio l’arrangiatore, e quello di ‘Soldi’ è di gran lunga l’arrangiamento più moderno e interessante. In più, ed è un dato che ho scoperto dopo perché non sono un grande frequentatore delle radio commerciali, da giovedì, quindi dopo le prime due serate, il pezzo di Mahmood è il più ascoltato per distacco nell’airplay”.

“Ultimo accetti la sconfitta”

Pagani poi si riferisce a Ultimo, premiato dal televoto ma sconfitto poi dal giudizio della giuria di qualità: “il meccanismo di voto è spiegato nel regolamento.

L’anno scorso Ultimo è arrivato primo nella categoria Nuove Proposte con lo stesso regolamento. Se va bene quando si vince, va bene anche quando si perde. Lui è giovane, e nella vita bisogna anche imparare a perdere. Altrimenti non si concorre, si fanno altre cose, ed è una scelta rispettabile”.


Nato a Milano, classe 1995, è laureato in Filosofia all'Università degli Studi di Milano Statale. Ha collaborato con Notizie.it, IlGiornaleOFF e Radio24.


Contatti:

4
Scrivi un commento

300
4 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
3 Commentatori
più recenti più vecchi
marco antonio

non trovate scuse è una vittoria politica,siete infami

marco antonio

politicizzati

Laura

Allora restituite i soldi a coloro che hanno votato….bastava poco per non creare scompiglio…

Peppe

Se x voi il brano “soldi” equivale alla musica mi sa che dovete cambiare mestiere…la musica sotto certi aspetti sarà anche cambiata nel tempo sopratutto x i giovani ma di certo la vincitrice non può essere definita musica..come anche “Rolls Royce”..ma cosa è??? Grazie che ci facciamo prendere in giro dal mondo e non partecipiamo al festival europeo..xk siamo certi del risultato…ZERO..ed io conosco tanti artisti anonimi che fanno vera musica e compongono..ma ovviamente in tutto ci vuole un aiuto…. Ma mohammed o come si chiama lui..siete certi che riuscirà nel tempo a far altra musica? Per me si è… Leggi il resto »


Contatti:
Marco Lomonaco

Nato a Milano, classe 1995, è laureato in Filosofia all'Università degli Studi di Milano Statale. Ha collaborato con Notizie.it, IlGiornaleOFF e Radio24.

Caricamento...

Leggi anche