> > Mamma e figlio impiccati nel bagno: omicidio o suicidio?

Mamma e figlio impiccati nel bagno: omicidio o suicidio?

Mamma e figlio impiccati nel bagno: omicidio o suicidio?

Mamma e figlio trovati impiccati senza vita a Padova. La tragedia scoperta dalla moglie dell'impiccato. I due si erano appesi con una corda ad una trave del bagno.   E' stata intervistata una badante che abitava nel palazzo: "La signora era sempre a casa e stava bene perché doveva avere un...

Mamma e figlio trovati impiccati senza vita a Padova. La tragedia scoperta dalla moglie dell’impiccato. I due si erano appesi con una corda ad una trave del bagno.

E’ stata intervistata una badante che abitava nel palazzo: “La signora era sempre a casa e stava bene perché doveva avere una bandante, aveva solo un girello. Lui la portava fuori e lei era sempre vestita bene”.

Un omicidio-suicidio accaduto al numero civico 217 in via Montà di Padova, dove una donna, moglie dell’uomo di 67 anni Paolo Moro, ha ritrovato i corpi del marito, che era ex bancario in pensione, e di sua madre, la signora Lidia Marinello, donna di 90 anni.

I due si erano impiccati con una corda attaccata ad una trave del bagno.

La tragica scoperta è avvenuta proprio nella tarda mattinata di oggi, di lunedì, quando la donna come sempre, è rientrata nella casa dove vivevano tutti insieme, una casa bifamiliare. Casa così suddivisa: presso il piano superiore, abitavano Moro, la moglie Daniela Gechele con il figlio Enrico; mentre al piano terra viveva l’anziana signora, piano in cui sono stati trovati impiccati.

E’ scattato subito un allarme e sul luogo sono intervenuti la polizia con i sanitari del Suem 118 insieme ai vigili del fuoco.

L’ipotesi è quella di suicidio-omicidio: una delle ipotesi che al momento è in corso è quella secondo cui il figlio avrebbe ucciso la madre, una donna invalida al cento per cento (ma la donna riusciva a spostarsi con l’ausilio di un girello), e dopo averla uccisa, e si sarebbe quindi suicidato.

Ambedue impiccati quindi.

Le vittime, entrambe presentano dei segni sui polsi, segni di tagli, che potrebbero risalire a prima dell’atto di impiccagione. Quindi si presume che l’uomo disperato, uomo di 67 anni, avesse inizialmente tentato di farla finita con un alto sistema, sistema che ha provato su entrambi. Per il momento pare non ci siano segni che possano giustificare il gesto tanto estremo.