×

Massimo Cacciari dice no all’ipotesi Casini al Quirinale: “Se lo eleggono emigro”

Massimo Cacciari dice no a Pierferdinando Casini al Quirinale ed estende il diniego anche a Berlusconi. Vorrebbe una donna e Draghi a Palazzo Chigi.

Massimo Cacciari Casini Quirinale

Nei primi mesi del nuovo anno la politica sarà chiamata ad eleggere il nuovo Presidente della Repubblica, il successore di Sergio Mattarella, ma i giochi sembrano essere ancora tutti molto aperti. Tanti, tantissimi, i nomi che si sono fatti nelle ultime settimane, ma la realtà è che solo in sede di voto si capirà di più della decisione del Parlamento.

Tra i papabili nuovi inquilini del colle più alto di Roma, uno dei nomi che viene sempre tirato in ballo è quello di Pierferdinando Casini. L’ipotesi non sembra essere la preferita di uno dei commentatori pià celebri della politica, il filoso Massimo Cacciari, che in un’intervista ad affaritaliani.it ha ripudiato l’immagine di Casini al Quirinale.

Quirinale, Massimo Cacciari dice no a Casini 

“Come Renzi ha fatto Mattarella, ora potrebbe tentare di fare Casini – ha detto Cacciari –Se mi piacerebbe? Il mondo è grande e si può sempre emigrare. Covid permettendo, è possibile ancora viaggiare. Ci siamo capiti”. Un no secco quello del filosofo, più orientato invece alla scelta di una donna per il colle: “Se fossero intelligenti voterebbero al Quirinale Cartabia, con Draghi a Chigi fino al 2023”.

Massimo Cacciari contro Casini al Quirinale

Il no secco dell’ex sindaco di Venezia viene esteso anche all’altra grande ipotesi al momento sul piatto, ovvero Silvio Berlusconi che verrebbe eletto grazie ai voti del centrodestra e di altri moderati di centro. “Neanche se mi scotennassero (lo voterei ndr.) Chance che venga eletto? Nessuna. Costringerà Salvini e Meloni a votarlo, magari nei primi turni, per dare l’idea di essere ancora il leader della destra. Ma non ha alcuna possibilità di diventare presidente”.

Massimo Cacciari: il no secco a Casini al Quirinale

Infine Mario Draghi, attuale Presidente del Consiglio, che molti, anche in Parlamento, vedrebbero meglio al Quirinale che a Chigi. “Difficile – commenta Cacciari – perché non sanno chi mettere al suo posto. Quindi potrebbe restare Draghi a Chigi, anche perché è da vedere se il no di Mattarella è autentico o se vuole solo farsi pregare. Se lo pregano in massa di restare, magari… tutto può essere”. “Draghi resti premier – ha aggiunto – e al Quirinale o Mattarella bis o trovano un altro candidato. Magari una donna, così fanno pure bella figura”.

Contents.media
Ultima ora