> > Morta turista britannica, travolta da una valanga durante un’escursione sul...

Morta turista britannica, travolta da una valanga durante un’escursione sul Monte Bianco

morta turista monte bianco

Una valanga ha stravolto una turista britannica che stava facendo un’escursione sul Monte Bianco: la donna è morta.

Una turista britannica è morta dopo essere stata travolta da una valanga mentre faceva un’escursione con altre due persone sul Monte Bianco.

Lo hanno comunicato nella giornata di domenica 15 gennaio i servizi di soccorso.

Morta turista britannica, travolta da una valanga durante un’escursione sul Monte Bianco

L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di sabato 14 gennaio sul ghiacciaio dell’Argentiere, uno dei più grandi ghiacciai del Monte Bianco. La 45enne è stata sepolta sotto la neve e i soccorsi sono arrivati troppo tardi per salvarla. Stava facendo un’escursione con il suo compagno e una guida sul Monte Bianco, nella valle di Chamonix.

La polizia ha disposto un’indagine sull’incidente e un’autopsia. Le autorità hanno anche dichiarato che gli altri due escursionisti sono rimasti illesi.

Una seconda valanga si è staccata a circa 24 ore dal primo incidente, mortale per la turista, in un’area sciistica vicina e sono in corso le ricerche per trovare eventuali vittime.

La valle è in stato di massima allerta dopo le nuove nevicate. Il trio coinvolto nell’incidente di sabato stava facendo un’escursione sul ghiacciaio dell’Argentiere quando, intorno alle 17:30, si è consumata la tragedia.

La seconda valanga si è verificata nell’area sciistica di Brevent, sempre nella valle di Chamonix, all’ora di pranzo di domenica 15.  I testimoni hanno raccontato che una valanga ha colpito una pista da sci. La montagna è stata chiusa e i soccorritori stavano setacciando la zona per cercare eventuali vittime. I maestri di sci della valle sono stati chiamati ad aiutare nelle operazioni.

Un testimone oculare ha detto: “C’era una donna intrappolata nella valanga fino ai fianchi“.

Gli sciatori e gli snowboarder hanno iniziato le ricerche. Poi sono intervenuti gli esperti”. 

Il rischio valanghe

Le nuove nevicate della scorsa settimana e le previsioni di oltre 70 cm di neve a 2000 metri per domenica 15 e lunedì 16 hanno messo Chamonix in allarme.  Domenica 15, il rischio di valanghe è stato giudicato tre su cinque, cioè “considerevole”.

Avalanche Academy, una scuola di formazione sulle valanghe di Chamonix, ha esortato gli appassionati di neve a prendere precauzioni: “Questa settimana è in arrivo a Chamonix un’enorme quantità di neve, il che significa che il rischio di valanghe aumenterà drasticamente”.

Il Monte Bianco, la montagna più alta dell’Europa occidentale con i suoi 4.800 metri, attira ogni anno 20.000 escursionisti e sciatori. La popolarità del Monte Bianco rappresenta una sfida crescente per la sicurezza e l’ambiente, hanno avvertito i funzionari locali. Le temperature più calde degli ultimi anni hanno sciolto il permafrost, aumentando il rischio di cadute di massi sui percorsi più popolari. In agosto, le autorità hanno chiuso due popolari rifugi alpini utilizzati dagli scalatori del Monte Bianco a causa di cadute di massi potenzialmente letali dovute alla siccità. Si ritiene inoltre che lo scioglimento della neve contribuisca a innescare le valanghe.