> > Movimento 5 Stelle, Beghin sulle case green: "Dalla destra solo propaganda"

Movimento 5 Stelle, Beghin sulle case green: "Dalla destra solo propaganda"

Beghin

Tiziana Beghin del Movimento 5 Stelle ha dichiarato che la destra sta creando confusione sul tema delle case green per propaganda

L’eurodeputata del Movimento 5 Stelle Tiziana Beghin ha rilasciato un’intervista ai microfoni di ‘Fanpage.it’ in cui spiega i vantaggi della direttiva Ue sulle case green.

Questa direttiva, che punta a rendere più efficienti gli edifici dal punto di vista energetico, ha alzato un vero e proprio ‘polverone‘ politico.

M5s, parla Tiziana Beghin: “Sulle case green la destra fa propaganda”

Tiziana Beghin ha inizato la sua intervista spiegando in cosa cosisterebbe nel nostro Paese la messa in opera di questa direttiva Ue, facendo chiarezza su quanto affermato dai partiti al governo: La confusione è stata creata ad arte dall’estrema destra italiana perché, in realtà, la proposta del Parlamento europeo ancora non è stata finalizzata.

I relatori la stanno negoziando e verrà messa ai voti nella Commissione Industria solo il 9 febbraio. La polemica è nata dunque su qualcosa che ancora non c’è, ma è giusto rassicurare i cittadini dicendo che nessuno dei testi prevede il divieto di vendita o di affitto degli immobili con certificazione energetica bassa. La direttiva prevede tuttavia un percorso, per noi imprescindibile, di adeguamento del parco edilizio europeo, in parte obsoleto. Questo ci aiuterà a raggiungere l’indipendenza totale dal gas russo, contribuirà ad abbassare le bollette dei cittadini e a contrastare i cambiamenti climatici.”

La presunta polemica della destra

La Beghin, poi, è stata incalzata sulle sue accuse rivolte alla destra di fare propaganda sulla questione. Accuse che l’eurodeputata ha contestualizzato: Hanno creato una polemica solo per coprire mediaticamente i disastri del DL benzina e dello sciopero dei benzinai. Hanno accusato i gestori di aver fatto speculazione sui prezzi quando erano loro i responsabili dei rincari causati dallo stop al taglio delle accise. Spiace che molti autorevoli giornali non abbiano verificato le fonti, si sarebbero facilmente accorti che la verità è un’altra e che, per esempio, il ministro Pichetto lo scorso 25 Ottobre ha approvato la direttiva sull’efficientamento energetico in sede di Consiglio.

Il governo ha già dato l’ok a obiettivi simili a quelli presenti nella bozza del Parlamento.”