×

Covid, quali sono le multe per chi non rispetta le norme in vigore

Quali sono le multe per chi non rispetta le norme anti-Covid? Quanto costano le sanzioni? Ecco le risposte ad alcune domande.

controlli Covid
controlli Covid

Tutti coloro che non rispettano le misure restrittive varate dal Governo per contrastare l’epidemia possono andare incontro a delle sanzioni, che variano a seconda della situazione. La sanzione amministrativa “classica” può andare dai 400 ai 3000 euro.

Le multe per le norme

L’importo può diminuire se si paga entro cinque giorni, come avviene per le multe che si possono prendere infrangendo le regole del codice stradale. Il Governo, con l’avvicinarsi delle festività, ha annunciato che aumenterà i controlli per verificare che tutti i cittadini rispettino le regole anti-contagio nei giorni di zona rossa. Come stabilisce l’articolo 4 del decreto 19/2020, qualsiasi violazione dei provvedimenti contro il Covid, a meno che non costituisca reato, è punita con una sanzione che varia dai 400 ai 3000 euro.

Se il mancato rispetto delle predette misure avviene mediante l’utilizzo di un veicolo, le sanzioni sono aumentate fino a un terzo” è stato precisato. La normativa, per quanto riguarda le multe, non è cambiata. Coloro che non rispettano le misure anti-Covid, rischiano di essere sanzionati. Se la multa viene pagata entro i primi cinque giorni la cifra scende tra i 280 e i 560 euro. Sono previste sanzioni anche per gli esercizi commerciali che non rispettano le chiusure o le altre norme anti-contagio.

In questo caso si può ricorrere anche alla chiusura forzata dell’esercizio e dell’attività dai 5 ai 30 giorni, per impedire la reiterazione dei comportamenti vietati.

Ci sono anche dei casi in cui sono previste conseguenze penali. La violazione dell’isolamento da parte di una persona positiva potrebbe far scattare il reato di epidemia colposa, per cui si parla di una pena dai sei mesi ai tre anni. Chi non rispetta la quarantena rischia la reclusione da 3 a 18 mesi e il pagamento di una multa dai 500 ai 5000 euro.

Chi viola l’isolamento fiduciario va incontro a sanzioni amministrative. Un altro motivo che potrebbe costituire un reato è quello di dichiarare il falso durante i controlli. Una persona che esce di casa in zona rossa può andare incontro ad una sanzione se ammette il suo errore, ma potrebbe scattare il reato di falsa attestazione a un pubblico ufficiale se viene scoperta a mentre. La pena può essere la reclusione da uno a sei anni. Le sanzioni possono essere contestati. Tra gli spostamenti consentiti, ad esempio, rientrano quelli per necessità, concetto che potrebbero rientrare diverse motivazioni. Si potrebbe andare incontro alla situazione per cui la necessità del singolo non viene riconosciuta dalle forze dell’ordine che effettuano i controlli. In questo caso è possibile contestare la sanzione.

Contents.media
Ultima ora