> > Pensioni, Freni: "Opzione donna? Troveremo un compromesso"

Pensioni, Freni: "Opzione donna? Troveremo un compromesso"

Freni

Freni ha illustrato il piano consistente nel mandare in pensione chiunque, senza limiti d'età, dopo 41 anni di contributi. Cosa ha detto su Opzione Donna?

Il sottosegretario all’Economia Federico Freni ha parlato del tema Pensioni, nel corso di un intervista al Messaggero.

Ha spiegato che Opzione Donna fosse una misura troppo costosa, ma allo stesso tempo ha parlato di un possibile compromesso per il futuro. Freni ha illustrato il piano di mandare in pensione dopo 41 anni di contributi senza limite di età. A detta del leghista quota 41 è “un metodo, non uno spot. Solo ragioni di costo hanno richiesto l’inserimento di un coefficiente anagrafico a 62 anni, ma il futuro è verso l’azzeramento progressivo del limite di età”. 

Freni su Opzione Donna: “Una misura che intercetta un bisogno di tutela”

Su Opzione Donna, Freni ha dichiarato che non fosse purtroppo “sostenibile economicamente”. Ha poi aggiunto che si tratta tuttavia “di una misura che intercetta un bisogno di tutela cui non possiamo e non vogliamo negare risposte. Vedremo di trovare una quadra migliorativa”. 

L’andamento dell’inflazione sarà il nuovo parametro 

Parlando sempre di previdenza Freni ha spiegato che al momento si è deciso di supportare i redditi medio-bassi e limitare la rivalutazione previdenziale solamente a determinate fasce.

Freni ha parlato di “scelta politica” aggiungendo che nei mesi a seguire “l’andamento dell’inflazione sarà il parametro per le nostre scelte”.