Renzi sul salvataggio di Banca Carige "Di Maio e Salvini, vergogna"
Renzi sul salvataggio di Banca Carige “Di Maio e Salvini, vergogna”
Politica

Renzi sul salvataggio di Banca Carige “Di Maio e Salvini, vergogna”

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Matteo Renzi attacca su Facebook Matteo Salvini e Luigi Di Maio, sottolineando come abbiano salvato una banca esattamente come fece il suo governo.

“Sono bastati dieci minuti di una riunione notturna del Consiglio dei Ministri per smentire cinque anni di insulti e menzogne contro di noi. Matteo Salvini e Luigi Di Maio devono solo vergognarsi” denuncia su Facebook Matteo Renzi. In un video, l’ex premier critica infatti apertamente le misure adottate dal governo per il salvataggio di Banca Carige.

Renzi “Avete fatto bene, ma…”

“In 10 minuti ha salvato una banca. Ha fatto bene: il governo ha fatto bene perché quando famiglie, correntisti e risparmiatori sono a rischio si interviene, salvando gli Istituti. Salvini e Di Maio però si devono vergognare e non per quello che hanno fatto in 10 minuti ma per quello che hanno detto per anni e anni contro di noi” afferma Matteo Renzi.

“Si devono vergognare per le offese, per gli insulti. Hanno truffato gli italiani raccontando storie non vere su di noi, sulla Tav, sulla Tap, sull’Ilva, sulle trivelle, adesso persino sulle banche.

– precisa l’ex Presidente del Consiglio – E’ proprio vero: puoi ingannare qualcuno per tutta la vita e puoi ingannare tutti per una sola volta. Ma non puoi ingannare tutti per tutta la vita”. L’ex segretario del PD quindi ribadisce: “Con la vicenda delle banche Salvini e Di Maio devono semplicemente scrivere la parola vergogna“.

A stretto giro arriva anche il commento di Maria Elena Boschi. L’ex ministro delle Riforme sottolinea, sempre via Facebook: “Ieri (7 gennaio 2019, ndr) il Governo del cambiamento ha salvato una banca. Giusto così, per i risparmiatori. Ma se fossero uomini seri oggi Di Maio e Salvini dovrebbero riconoscere che hanno fatto la stessa cosa che abbiamo fatto noi. – aggiungendo – Non lo faranno. Perché la parola verità non appartiene al loro vocabolario”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche