×

Referendum e Regionali, con tosse e febbre non si può votare

Condividi su Facebook

Chi presenta sintomi associati al coronavirus, come tosse o febbre, non può andare a votare.

Referendum e regionali
Referendum e regionali

Chi presenta sintomi come tosse e febbre non può andare a votare per il referendum e le regionali. Le regole sulla sicurezza sono molto rigide e ovviamente chi ha il coronavirus o è entrato a contatto con qualche persona affetta dal virus non potrà andare a votare.

Se aumentano i contagi, elezioni e scuola a rischioaveva dichiarato Walter Ricciardi, consulente del ministro Speranza, che ha poi smentito spiegando di riferirsi ad altri Paesi. Il governo è ben deciso di portare avanti il referendum, le regionali e le comunali.

Con i sintomi non si può votare

Non tutti potranno andare a votare, come spiegato dal protocollo sanitario inviato alle prefetture locali. I ministeri della Salute e dell’Interno hanno messo a punto il documento “Protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell’anno 2020“, in cui ci sono delle regole molto rigide che vanno applicate per la sicurezza.

Saranno allestiti percorsi guidati e segnalati, ingressi ed uscite separate e dovranno essere mantenute le regole di pulizia ed igiene. Tutti coloro che hanno una temperatura pari o superiori a 37,6° non potranno presentarsi alle urne, così come coloro che hanno avuto contatti con un soggetto positivo. Chi ha sintomi di un’infezione respiratoria, come tosse, catarro o muco, deve rimanere a casa. Il governo ha deciso di puntare sul senso di responsabilità delle persone, per cui all’ingresso non verrà misurata la febbre.

Il 20 e 21 settembre non potranno votare i cittadini positivi al coronavirus e non sarà possibile effettuare il voto domiciliare, soprattutto per via dei tempi già esauriti. Chi, invece, potrà andare a votare dovrà rispettare delle regole molto rigide. “È necessario contemperare due diritti costituzionali, quello al voto e quello alla salute” si legge nel protocollo sanitario. Le persone dovranno rispettare la distanza di un metro e quella di due metri tra elettore e scrutatore.

La mascherina è obbligatoria in ogni fase del voto, fatta eccezione del riconoscimento, e tutti dovranno igienizzare le mani all’entrata del seggio, prima di ricevere la scheda elettorale. Inoltre, è obbligatorio indossare i guanti prima di toccare le schede.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.