×

Sondaggi elettorali: scende ancora la Lega, ma cresce Berlusconi

Condividi su Facebook

Berlusconi cresce dell'1,3% negli ultimi sondaggi elettorali realizzati da Ipsos.

Sondaggi elettorali cresce Berlusconi

Negli ultimi sondaggi elettorali realizzati da Ipsos per il Corriere della Sera la Lega si conferma il primo partito in Italia, ma continua a perdere consenso con gli equilibri nel centrodestra che sembrano essere soggetti a profonde modifiche. Oltre a Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni cresce infatti anche Forza Italia di Silvio Berlusconi che registra un 1,3% in più rispetto alla precedente rilevazione.

Sondaggi elettorali: cresce Berlusconi

Nello specifico la Lega raccoglie il 23,5% del consenso popolare, con un -2% rispetto ai dati di fine novembre 2020 confermando dunque un trend in decrescita continuo. Segue il Pd di Nicola Zingaretti, al 20,2% (-0,4%). Sul gradino più basso del podio si conferma poi Fratelli d’Italia che rafforza la propria posizione guadagnando mezzo punto percentuale e arrivando al 16% del consenso degli elettori.

A pari merito con il partito di Giorgia Meloni c’è anche il M5s, in crescita di un punto. Dietro chi si muove di più è Forza Italia che cresce dell’1,3% e raggiunge quota 9,3%. Ben staccati, al 3%, si trovano Leu, Azione e Italia Viva al 3%, +Europa all’1,9% ed Europa Verde all’1,8%. Secondo il sondaggio Ipsos dunque, se si votasse oggi, Salvini confermerebbe il ruolo di leader del centrodestra, ma avrebbe sicuramente meno potere rispetto alle ultime elezioni.

Sondaggi elettorali: i leader

I dati raccolti dalla società di sondaggi permettono anche di avere coscienza in merito al gradimento dei singoli leader di partito. La gestione dell’emergenza sanitaria premia Giuseppe Conte, al 57%, e il ministro della Salute Speranza che nella fiducia degli italiani è secondo con una percentuale del 36%. Dietro di lui, con due punti percentuali in meno, c’è Giorgia Meloni seguito a sua volta da Matteo Salvini al 31%. Nicola Zingaretti è al 29% davanti al ministro della Cultura Dario Franceschini, al ministro degli Esteri Luigi Di Maio e a Silvio Berlusconi, tutti fermi al 26% del gradimento. Dai dati raccolti si evince poi anche un calo di popolarità del governo Conte, nei confronti del quale solo il 49% degli italiani dimostra fiducia.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media