×

Fratelli d’Italia: “Noi soli contro l’emendamento Boldrini”

Fratelli d’Italia "soli contro l’emendamento Boldrini": gli esponenti del partito di Giorgia Meloni lo ritengono "vergognoso e inaccettabile".

L'emendamento Boldrini sui migranti divide FdI e Lega

Fratelli d’Italia lo fa capire chiaramente: noi soli contro l’emendamento Boldrini. E lo fa al culmine di uno scontro che sembra condannare implicitamente le nuove posizioni di quiescenza del partito che aveva fatto brand del tema immigrazione: la Lega di Matteo Salvini.

Mario Draghi ha deciso di seguire la rotta del suo prdecessore Giuseppe Conte sull’immigrazione, e la deputata di FdI Carolina Varchi non aveva gradito: “La continuità del governo Draghi col precedente esecutivo non è solo nel nome dei ministri e nell’utilizzo dei Dpcm ma anche nell’approccio al tema dell’immigrazione clandestina”.

Fratelli d’Italia contro l’emendamento Boldrini

Le esternazioni erano giunte a ridosso del voto in commissione Esteri della Camera sull’emendamento di Laura Boldrini.

Emendamento già finito nel mirino di Giorgia Meloni. Il primo trimestre dell’anno ha fatto registrare oltre 5 mila arrivi e la maggioranza ha reso il blocco navale un crimine internazionale. Un’occasione troppo ghiotta per la Varchi per non rimarcare la solitudine di FdI in questo frangente: “Spiace che l’unico voto contrario sia stato quello di Fratelli d’Italia che continuerà anche in Aula a dare battaglia per difendere i confini della Nazione e gli italiani: a cominciare da quegli agenti delle Forze dell’ordine che a Lampedusa sono stati contagiati da immigrati positivi al Covid”.

E al collega Augusta Montaruli si è messa in scia perfetta: “Per trovare dati simili bisogna tornare all’epoca del governo Gentiloni, con l’unica differenza che allora non c’era nemmeno l’emergenza pandemica”.

Il caso Mare Jonio

Sulla faccenda pesa poi la specifica circostanza legata all’inchiesta sulla nave a servizio della Ong Mediterranea Saving Humans, vale a dire la Mare Jonio . Le ipotesi di reato parlano di una ingente somma di denaro allo scopo di trasbordare migranti dalla motonave Maersk Etienne. Fatto che Francesco Lollobrigida, capogruppo di FdI, ha definito “vergognoso e inaccettabile”. E proprio Giorgia Meloni, L’Aria Che Tira, si era detta pronta si a cambiare il paese, ma a due condizioni: senza PD e Movimento 5 Stelle e con un mandato concesso dagli italiani. Tradotto: solo ed esclusivamente dopo le elezioni. Tradotto meglio: non come ha fatto la Lega.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora