×

Polizia scopre piantagione di cannabis sul tetto

In Inghilterra la polizia ha scoperto una piantagione di cannabis. Decisivo è stato osservare che non vi era neve sul tetto dell'abitaione

polizia

La polizia di Keighley (West Yorkshire) ha scoperto oltre 300 piante di cannabis. Una casa era stata trasformata in una vera e propria piantagione. Ad insospettire le forze dell’ordine è stato il fatto che sul tetto dell’abitazione in questione non vi era neve. Nella casa vi era una temperatura abbastanza alta, tarata per rendere ideale l’ambiente alla coltivazione della cannabis. La neve che si depositava su tetto e finestre si scioglieva dopo pochissimo.

Polizia cannabis

Incredibile scoperta della polizia di Keighley, nel West Yorkshire. Le forze dell’ordine hanno fatto irruzione in una casa trovando una vera e propria foresta di cannabis. L’intera abitazione era infatti dedicata alla coltivazione di quella pianta. Alcune di queste erano alte più di 2 metri.

In tutto, ne sono state rinvenute più di 300. Ad essere bizzarro, è però anche il modo con cui le forze dell’ordine sono giunte a conoscenza della piantagione. Alla base, non c’è stata nessuna attività investigativa. Nessuna pista da seguire. La polizia di Keighley ha però notato una cosa che poteva essere considerata sospetta. Quella casa non aveva neve né sul tetto, né sulle finestre. Tutte le altre case invece sì. Questo a causa del forte freddo e delle nevicate avvenuti in questi giorni. C’era effettivamente qualcosa di bizzarro. La polizia ha perciò deciso di intervenire per approfondire la questione. Magari in quella casa c’era un problema. In un certo senso, effettivamente, era proprio così. Il fatto che la neve si sciogliesse subito sul tetto e sulle finestre si spiega con il fatto che nella casa c’era una certa temperatura.

Questa era settata in modo tale da rendere ottimale l’ambiente per la crescita della cannabis. La prossima volta, è meglio evitare di impegnarsi in questa attività quando fa freddo e cade la neve.

polizia

Cannabis in Inghilterra

Tuttavia, il tema della cannabis è abbastanza caldo in Inghilterra. Una famiglia ha richiesto di recente al Ministero dell’interno locale la prescrizione di questa sostanza stupefacente per il proprio figlio. Purtroppo i motivi sono seri. Il bimbo in questione avrebbe infatti tra i 20 e i 30 attacchi di epilessia al giorno. La cannabis limita molto questi attacchi, nella loro intensità e di conseguenza nella sofferenza che ne consegue. Per questo, il bimbo in questione era stato portato in Olanda. Ma in Inghilterra non è ammesso che si prescrivano farmaci a base di cannabis. Questa può essere usata solo a scopo di ricerca. L’effetto benefico della cannabis non è riconosciuto in Gran Bretagna. Nel proprio stato, il povero bambino non può essere curato in questo modo. Ma così sancirebbe anche la sua condanna.

Il Ministero dell’interno inglese però ha risposto negativamente alla richiesta della famiglia. Questo nonostante il sostegno di diversi parlamentari. Il Ministero è rimasto perciò nelle sue convinzioni, e non ha lasciato nessuna concessione al regolamento attualmente in vigore. La povera famiglia continua la sua lotta, e sta raccogliendo firme per ottenere almeno un permesso specifico.

Leggi anche