×

Quirinale, approvato il decreto legge per far votare anche i grandi elettori positivi al Covid

Alle elezioni per il Quirinale, i grandi elettori positivi al Covid-19 potranno votare. Resta un problema: come raggiungeranno Roma?

Palazzo Chigi

È stato approvato con decisione unanime durante il Consiglio dei Ministri, il Decreto che permetterà di votare per il prossimo Presidente della Repubblica anche se si è positivi al Covid-19. Il 19 gennaio 2022, era passato l’ordine del giorno alla Camera dei Deputati.

Elezioni Quirinale: i grandi elettori positivi al Covid-19 potranno votare

Il Consiglio dei Ministri ha dato esito positivo sul far votare per il Quirinale anche i grandi elettori che sono positivi al Covid-19. Resta solo un dubbio: come far arrivare questi elettori positivi da varie parti dell’Italia a Roma, in Via della Missione, dove verrà allestito un punto per il voto. Al momento il Ministro Federico D’Incà ha risposto ai parlamentari che non verrà varato un decreto ad hoc in materia di spostamenti.

La sua risposta dopo che il Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico aveva proposto di risolvere la questione da un punto di vista normativo.

Elezioni Quirinale: come faranno gli elettori positivi al Covid-19 a raggiungere Roma per votare?

Un altro problema resta anche quello legato alle quarantene e agli isolamenti. La legge attuale prevede che chi è positivo al Covid-19 non può lasciare per nessuna ragione il luogo in cui si trova in isolamento.

I parlamentari in regime di quarantena ed isolamento, attualmente, risultano essere 30. Con questo nuovo Decreto sarà sicuramente fatta un’eccezione per questo caso straordinario. Fatto sta che anche a livello logistico va pensata una strategia, ed anche in tempi brevi.

Elezioni Quirinale: un Drive-in per far votare gli elettori positivi al Covid-19

Una proposta, che sembrerebbe essere quella più sensata, è partita da Roberto Fico. Il Presidente della Camera dei Deputati ha proposto di creare un seggio Drive-in, per permettere agli elettori positivi di votare.

Come riporta Skytg24, il sistema del Drive-in, dovrebbe prevedere un presidio di due deputati segretari assistiti da funzionari di Montecitorio: a loro il compito di raccogliere le schede votate e aggiungerle a quelle votate in Aula, prima dell’inizio dello spoglio.

Contents.media
Ultima ora