×

Regno Unito, Boris Johnson alla nazione: “Fate adesso la dose booster del vaccino”

Il primo ministro britannico Boris Johnson si è rivolto alla nazione. "Due dosi di vaccino non sono sufficienti", ha affermato.

Boris Johnson nuove restrizioni
Boris Johnson nuove restrizioni

Alla luce dell’avanzare della variante Omicron nel Regno Unito, il primo ministro britannico Boris Johnson si è rivolto ancora una volta alla nazione. Un intervento quello di Johnson che è stato soprattutto un grande appello durante il quale ha invitato i cittadini a ricevere la dose booster nel più breve tempo possibile.

“Due dosi non sono sufficienti a fornire il livello di protezione necessario”, ha quindi dichiarato.

Boris Johnson nuove restrizioni, “Aventi diritto riceveranno il nuovo richiamo prima del nuovo anno”

Il primo punto toccato da Johnson nel corso del suo intervento è stata la possibilità per i cittadini britannici di poter ricevere il richiamo del vaccino, una possibilità questa che sarà garantita a tutti gli aventi diritto di età maggiore o uguale ai 18 anni ed entro il nuovo anno.

Parlando invece della variante Omicron il premier britannico ha invitato i cittadini a “non commettere l’errore di pensare che la variante Omicron non possa fare del male”. “A questo punto i nostri scienziati non possono dire se è meno grave, e anche se fosse vero un’ondata di Omicron… potrebbe portare a molte morti”, ha precisato.

Boris Johnson nuove restrizioni, “Ciò richiederà uno sforzo straordinario”

Boris Johnson ha proseguito il suo discorso affermando come la somministrazione delle dosi booster di vaccino ai cittadini richiederà un grande sforzo: “Poiché ci concentriamo sulle dosi booster e rendiamo questo nuovo obiettivo raggiungibile, ciò significherà che altri appuntamenti dovranno essere posticipati fino al nuovo anno”.

Boris Johnson nuove restrizioni, “Conosco le pressioni su ciascuno nel nostro Servizio sanitario nazionale”

Il primo ministro britannico ha ringraziato fin da subito chi opera attivamente nella sanità essendo al contempo conscio dell’impatto della pandemia sul servizio nazionale sanitario: “Conosco le pressioni su ciascuno nel nostro NHS, dai nostri medici di base, gli infermieri ai nostri portantini, i quali hanno lavorato incredibilmente duramente e ringrazio voi, li ringrazio, per tutto il lavoro straordinario che hanno svolto.

Ma dico direttamente a quanti di voi in prima linea: ‘Devo chiedervi di fare un altro sforzo straordinario ora. In questo modo possiamo proteggere voi e i vostri colleghi e, soprattutto, proteggere i vostri pazienti da pressioni ancora maggiori l’anno prossimo’”.

Boris Johnson nuove restrizioni, “C’è un’ondata di Omicron in arrivo”

Il pensiero di Johnson, nel corso del suo intervento si è rivolto ad uno dei timori maggiormente presenti in queste ultime settimane ossia l’eventualità che possa arrivare un’ondata di variante Omicron e che possa in questo senso diventare dominante: “Sappiamo per esperienza come si sviluppano queste curve esponenziali. Nessuno dovrebbe avere alcun dubbio. C’è un’ondata di Omicron in arrivo e temo che ora sia chiaro che due dosi di vaccino semplicemente non siano sufficienti per dare un buon livello di protezione. Ma la buona notizia è che i nostri scienziati sono fiduciosi che con una terza dose, una dose di richiamo, tutti possiamo aumentare il nostro livello di protezione”.

Boris Johnson nuove restrizioni, “Da lunedì 13 dicembre mascherina negli spazi pubblici all’interno”

Infine Johnson ha annunciato che a partire da lunedì 13 dicembre sarà necessario indossare la mascherina negli spazi pubblici interni. Al contempo i cittadini sono stati invitati a lavorare da casa. Ha poi precisato: “Da mercoledì 15 dicembre, soggetto ad una votazione in parlamento, sarà necessario mostrare un tampone negativo per entrare nei nightclub e in alcuni grandi eventi se non si è effettuato la doppia vaccinazione”.

Infine, in ultima istanza ha dichiarato: “Queste misure aiuteranno a rallentare la diffusione della variante Omicron, ma dobbiamo andare oltre e darci una spinta ora. Se non avete ancora ricevuto il vaccino, per favore proteggetevi con una vaccinazione il più rapidamente possibile. Se avere ricevuto la vostra dose booster, incoraggiate i vostri amici e la vostra famiglia a fare lo stesso. Siamo un grande Paese. Abbiamo i vaccini per proteggere la nostra gente. Facciamolo. Vacciniamoci ora, vaccinatevi per voi stessi, per i vostri amici, i vostri familiari, vacciniamoci per proteggerci al lavoro e nella vita di tutti i giorni, vaccinatevi per proteggere la nostra sanità, la nostra libertà e il nostro modo di vivere. Vacciniamoci ora. Grazie”.

Contents.media
Ultima ora