> > Si sente male in volo e muore, atterraggio di emergenza inutile

Si sente male in volo e muore, atterraggio di emergenza inutile

Un velivolo della Gulf Air

Si sente male in volo e muore, atterraggio di emergenza inutile e corsa in ospedale alla fine della quale il lavoratore giunge senza vita

Si sente male in volo e muore, atterraggio di emergenza inutile per Yasser Saleh Al Yazidi, un assistente di volo su un velivolo della “Gulf Air” del Bahrein.

L’uomo da quanto si apprende sarebbe morto lo scorso 22 novembre dopo aver accusato un malore improvviso nel corso del volo GF-19, partito dal Bahrain International Airport di Al-Muharraq e diretto all’aeroporto “Charles De Gaulle” di Parigi”. 

Si sente male in volo e muore

Tutto sarebbe accaduto dopo circa un’ora e mezzo di volo in quota. Ad un certo punto il pilota e comandante dell’Airbus A321 ha deciso di effettuare un atterraggio di emergenza.

Dove? Nello spot più vicino che lo aveva autorizzato: l’aeroporto internazionale “Ahmed Hoshyar” di Erbil, in Iraq. Lo scopo era permettere a Yasser di raggiungere l’ospedale più vicino

L’atterraggio in Iraq e la corsa inutile

Purtroppo però secondo il portale simpleflying, una volta atterrato sulla pista 36 l’assistente di volo “è stato caricato direttamente su un altro mezzo di soccorso, il quale ha iniziato una corsa disperata verso l’ospedale” per arrivarci cadavere prima di ogni possibilità di intervento.

Una nota della compagnia aerea del  Barhein spiega: “La compagnia aerea nazionale esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia e del membro del nostro equipaggio e conferma che il volo per Parigi è ripreso come da programma. Gulf Air rassicura che la sicurezza dei suoi passeggeri e dell’equipaggio è al primo posto delle sue priorità e ringrazia i passeggeri del volo per la comprensione”.