> > Trovato vivo un neonato abbandonato in un sacchetto di plastica nelle campagn...

Trovato vivo un neonato abbandonato in un sacchetto di plastica nelle campagne di Trapani

Carabinieri

Un neonato è stato abbandonato all'interno di un sacchetto di plastica, nelle campagne di Paceco, nel Trapanese.

Un neonato è stato abbandonato all’interno di un sacchetto di plastica, nelle campagne del Trapanese.

Fortunatamente la storia ha avuto un lieto fine e il piccolo è stato salvato.

Trovato vivo un neonato abbandonato in un sacchetto di plastica nelle campagne di Trapani

In Sicilia, nel Trapanese, un neonato è stato abbandonato in un sacchetto di plastica, nelle campagne di Paceco. Il piccolo era stato lasciato vicino ad una scuola elementare, lungo una strada di campagna isolata. I carabinieri sono stati allertati dal proprietario dell’area, che ha trovato il bambino.

Il contadino stava andando a lavorare nella sua terra quando ha visto il sacchetto. Il ritrovamento è avvenuto il 4 ottobre. Quando i Carabinieri sono arrivati hanno trovato il piccolo nel sacchetto aperto, ancora vivo. Nel sacchetto c’era ancora la placenta e questo fa pensare che la madre abbia partorito in casa.

Il piccolo non è in pericolo di vita

Il neonato è stato portato in ospedale e fortunatamente non è in pericolo di vita.

Il piccolo è stato trovato nel giorno di San Francesco, per questo è stato chiamato Francesco Alberto, come il Santo di Assisi e come il Carabiniere che lo ha preso in braccio per primo. I carabinieri hanno aperto un’indagine per trovare la madre e stanno visionando le telecamere. “Ci hanno avvertito con una telefonata che c’era un bimbo abbandonato, tra l’altro a pochi metri dalla nostra centrale. C’era ancora il cordone ombelicale tagliato, a fianco.

Quando siamo arrivati era avvolto in un sacchetto di plastica, la signora che ci ha avvertiti lo aveva avvolto nelle coperte. Sembrava ancora infreddolito il piccolo, così lo abbiamo messo in una speciale copertina che serve appunto per riscaldare. Sembrava stare bene, le vie respiratorie erano libere. È stata un’esperienza forte, speriamo che adesso vada tutto per il meglio” ha dichiarato Veronica Catalano, che con Piero Cialona ha soccorso il neonato.