×

Ucraina, incontro Draghi-Von der Leyen a Bruxelles il 7 marzo su migranti ed energia

Il premier Draghi incontrerà Ursula Von der Leyen a Bruxelles per discutere sul tema dei migranti e della dipendenza energetica dell’Italia dalla Russia.

draghi Von der Leyen

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, e la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, si incontreranno per discutere il piano di approvvigionamento del Governo italiano redatto per ridurre la dipendenza del Paese dalla Russia.

Ucraina, incontro Draghi-Von der Leyen a Bruxelles il 7 marzo: il tema dell’energia

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, sta per volare a Bruxelles per incontrare la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen. L’incontro è stato fissato per il prossimo lunedì 7 marzo e, a quanto si apprende, sarà incentrato sui temi dell’immigrazione e dell’energia. La notizia è stata diramata attraverso una nota diffusa da Palazzo Chigi.

Per quanto riguarda il tema dell’energia, il piano energetico redatto dal Governo si pone come obiettivo principale quello di ridurre la dipendenza italiana dal gas importato dalla Russia.

In questo contesto, si stanno cercando soluzioni valide per diversificare le fonti di approvvigionamento nel minor tempo possibile. L’urgenza deriva principalmente dallo scoppio della guerra in Ucraina e dalle sanzioni economiche emanate contro il Cremlino che hanno inasprito i rapporti tra Mosca e l’Occidente.

La rapida diversificazione delle fonti, come ribadito dal Governo italiano, avverrà nel pieno rispetto degli impegni presi dalla Nazione in materia di decarbonizzazione.

Migranti e accoglienza dei profughi ucraini

Nel corso dell’incontro in programma lunedì 7 marzo, si discuterà anche a proposito dell’immigrazione. Data la pressione esercitata sui Paesi europei dall’arrivo dei rifugiati in fuga dall’Ucraina, verranno valutate le misure da adottare in materia di accoglienza.

Sul versante dell’immigrazione, la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen ha dichiarato: “Oggi vediamo fulgidi esempi di solidarietà nell’UE. Persone che aprono le porte alle vittime della guerra. Correre ai confini con le coperte.

Questo mi rende orgogliosa. Ora dobbiamo assicurarci che gli aiuti umanitari possano raggiungere in sicurezza l’interno dell’Ucraina. Questa è una priorità”.

Contents.media
Ultima ora