Xylella in Puglia, 3100 ulivi positivi al batterio killer | Notizie.it
Xylella in Puglia, 3100 ulivi positivi al batterio killer
Cronaca

Xylella in Puglia, 3100 ulivi positivi al batterio killer

Ulivo affetto da Xylella
Ulivo affetto da Xylella

Gli esperti della Regione Puglia confermano i casi del virus xylella in aumento, il governatore Emiliano contestato a Lecce.

L’incubo xylella ritorna a far parlare di sé tra le pagine dei quotidiani d’informazione. Sono infatti 3100 gli ulivi infettati dal batterio killer, piante che sono geolocalizzate nei pressi della Valle d’Itria e più precisamente nella fascia di contenimento. Il dato raccapricciante è stato diffuso e aggiornato dalla Regione Puglia. L’analisi degli esperti ci racconta il grande incremento e l’inarrestabile crescita di casi positivi al virus della Xylella fastidiosa: un aumento rispetto al numero di focolai registrati in data 23 marzo 2018 grazie allo studio dell’Osservatorio fitosanitario Xylella (circa 2924 casi di infezione).

Casi di xylella quadruplicati

Rispetto ai mesi di gennaio e febbraio 2018, il numero di focolai batterici è quadruplicato. Il monitoraggio degli ulivi nella fascia di contenimento (area che divide a metà la Puglia tagliando la regione dall’Adriatico allo Ionio nel brindisino) ha portato all’analisi di un numero di campioni che va dai 160 ai 180.

I controlli hanno portato all’abbattimento di circa 800 piante risultate infette. Dallo studio totale, che ha coinvolto l’analisi di circa 325mila campioni, l’infezione della xylella ha interessato solo l’1% degli ulivi.
Gli esperti affermano “Una percentuale bassa rispetto ai milioni di esemplari di ulivi”, per poi aggiungere che la concentrazione più forte del virus e il maggior numero di casi di xylella si sono registrati nel territorio di Brindisi tra Oria e Francavilla: in quest’area sono 300 le piante che sono state soggette a eradicazione perchè infette.

Contestazione a Michele Emiliano

Sul caso xylella la Regione Puglia e il suo governatore Michele Emiliano, hanno ritardato nell’intervento radicale pregiudicando la reale e ideale messa in sicurezza delle piante che al momento sono ancora considerate sane. Il politico barese è stato contestato dagli agricoltori del leccese. Nella manifestazione indetta dalla Coldiretti in centinaia si sono diretti, a bordo dei propri trattori, verso un corteo di protesta.

Emiliano contro la vecchia amministrazione

Fitto ha provato a combattere la xylella, non c’è riuscito. Adesso fatemi lavorare” queste le parole di Emiliano, il presidente che ha promesso di non scappare via e di averci messo la faccia più volte nei suoi colloqui in piazza con i manifestanti. “Mi prendo i fischi, non ho paura” aggiunge il politico sottolineando che la protesta è una componente che fa parte del gioco (nella campagna elettorale che lo ha portato a vestire la carica di presidente della Regione Puglia, il barese prometteva una ricetta miracolosa che avrebbe debellato il problema xylella molto celermente).

La nota della Regione Puglia

Una nota di Leonardo Di Gioia, assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, a proposito delle piante colpite da xylella conferma il numero dei casi, l’aumento e l’andamento del contagio “La campagna 2017-18 ha riguardato 1.626 chilometri quadrati di territorio nelle fasce di contenimento e cuscinetto con il prelievo e l’analisi di campioni da 169.124 piante di cui 3.058 trovate infette” – prosegue il comunicato – “La situazione si è quindi modificata, ma non di molto, rispetto ai dati provvisori disponibili al 31 dicembre del 2017 i quali davano conto di 125.345 campioni analizzati e 2.980 piante infette”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesco Leone
Francesco Leone 154 Articoli
Francesco Leone, classe '94, cresciuto a pane, pallone e politica. Leccese in terra meneghina, braccia strappate alla cronaca sportiva e donate al reporting nudo e crudo, anche se spesso e volentieri ritorna alle origini. Ha fatto l'autore, il cronista, il reporter e lo stagista per una televisione nazionale, ora scrive e lavora a inchieste e reportage. Veni, vidi, dixi.