Blocco traffico Torino: orari, date, mappa
Blocco traffico Torino: orari, date, mappa
Motori

Blocco traffico Torino: orari, date, mappa

Torino
Torino

I livelli eccessivamente alti di Pm10 a Torino hanno fatto scattare dei provvedimenti duri nei confronti della circolazione: vediamo i dettagli del blocco.

Anche a Torino, dopo la situazione non molto rassicurante di Milano, il livello di Pm10 per metro cubo ha superato in maniera preoccupante la soglia considerata accettabile, o meglio tollerabile, per l‘inquinamento atmosferico. I vertici dirigenziali della città della Mole hanno cercato subito di correre ai ripari con disposizioni tempestive per rendere l’aria più pulita e respirabile: tra di esse un blocco del traffico.

Circostanze e particolari del blocco

Il comune ha ratificato con perentorietà un blocco del traffico seguendo determinati parametri e linee guida: dallo scorso lunedì 20 febbraio è impossibile circolare in città per la maggior parte dei veicoli a motore e ciò varrà fino a sabato 15 aprile tutti i giorni della settimana dalle 8:00 alle 19:00. I mezzi di trasporto coinvolti nello specifico stop sono diversi e con leggere divergenze nel divieto: i diesel che precedono gli Euro 4 e tutti gli Euro 0 in generale seguiranno la precedente disposizione; anche i veicoli per trasporto merci non potranno accedere in centro, ma secondo orari diversi: dalle 8:30 alle 14:00 e successivamente dalle 16:00 per altre 3 ore.

Cosa succede in caso di incremento dell’inquinamento

Nel caso in cui i livelli di Pm10 non risultino minori ma addirittura aumentino provocando un peggioramento delle già precarie circostanze ambientali, si è già previsto un piano alternativo: se verranno superati per 3 giorni consecutivi i 100 mcg al metro cubo scatterà di conseguenza il livello arancione, per cui verrà stabilito un blocco del traffico ancora più rigido, coinvolgendo anche i veicoli Euro 4 a diesel; nel caso addirittura di livello rosso, ossia nell’eventualità si oltrepassino i 150 mcg al metro cubo, verrà vietata anche la circolazione dei mezzi privati diesel.

L’ambiente risente dell’eccessivo smog cittadino e servono misure congrue e soppesate per poter contenere con tempestività e intelligenza la situazione di emergenza di questi giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche