Chiesa di San Bonaventura COMMENTA  

Chiesa di San Bonaventura COMMENTA  

Chiesa_di_San_Bonaventura_Venezia
Chiesa_di_San_Bonaventura_Venezia

La chiesa di San Bonaventura si trova a Venezia e più precisamente nel sestiere di Cannaregio. Eretta nel 1620 dai padri francescani dell’ordine dei Riformati, la Chiesa di Bonaventura venne chiusa nel 1810, in seguito alla soppressione napoleonica degli ordini religiosi.

Leggi anche: Vincita record di 43 milioni alle slot, il casinò non paga. Ecco il motivo


Nel 1859, la chiesa ed il complesso adiacente, venne acquistata dalla contessa Paolina Giustinian-Recanati che vi realizzò un convento per suore carmelitane scalze e la chiesa venne adibita a cappella conventuale. All’inizio del XX secolo, parte del convento fu riconvertita in ospedale infantile.

Leggi anche: Michelle Thomson: “violentata a 14 anni”. La deputata racconta


Originariamente, la chiesa di Bonaventura, ospitava opere di Tintoretto, Jacopo Bassano e il dipinto Santa Margherita da Cortona del Tiepolo, poi trasferito nella chiesa di San Michele in Isola. Successivamente è stata completamente spogliata sia degli arredi interni che delle decorazioni presenti sulla facciata.


La struttura interna della chiesa presentava un’unica navata, adornata dai Tredici santi francescani di Odoardo Fialetti, tre altari donati da Alvise Mocenigo, tra cappelle, in una delle quali erano custodite le spoglie del doge Carlo Contarini e della moglie ed un ampio coro. Con la distruzione di tutto il complesso monumentale, andarono distrutte o disperse quasi tutti le opere presenti al suo interno, comprese le reliquie del doge Contarini e consorte, realizzate da diversi artisti. Tintoretto si occupò invece della pala dell’altare maggiore e Antonio Dini realizzò l’arazzo raffigurante San Bonaventura.

L'articolo prosegue subito dopo


Oggi della chiesa di San Bonaventura rimane poco o niente. C’è un piccolo oratorio in stile rinascimentale, sempre dedicato a San Bonaventura. In una modesta casa, vivono ancora alcune suore di clausura dell’ordine delle Carmelitane Scalze.

Leggi anche

vincita-record-al-casino
Esteri

Vincita record di 43 milioni alle slot, il casinò non paga. Ecco il motivo

Quando ha letto la somma di denaro che aveva vinto alle slot non poteva crederci, ma tutti i sogni che pensava di poter avverare sono svaniti in pochi istanti. E' accaduto in un casinò di New York dove una donna, Katrina Bookman, ha deciso di trascorrere un po' di tempo alle slot machine spendendo qualche dollaro. Improvvisamente però la macchinetta ha annunciato non solo la vittoria ma anche una somma record, pari a ben 43 milioni di dollari. Katrina pensava di aver fatto la vincita più alta della storia e in quel momento, come da lei stessa raccontato e poi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*