Patate sbucciate: conserviamole in modo salutare

Cucina

Patate sbucciate: conserviamole in modo salutare

patate

Ecco alcuni metodi per conservare le patate sbucciate in modo salutare.

Le patate sbucciate, se non conservate in modo adeguato, per essere usate successivamente, anneriscono. A volte è necessario sbucciarle il giorno prima di quando se ne ha bisogno, specie se si ha un grande pranzo. Potete conservarle sbucciate, per vari mesi con la giusta preparazione.

Metodi di conservazione

Ci sono molti metodi di conservazione ma in questo caso ve ne consigliamo due:

Metodo I

Istruzioni

1 Sbucciate e preparate le patate come se voleste cucinarle il giorno stesso.

2 Ponetele in una grossa ciotola, copritele con del ghiaccio e riempite la ciotola con dell’acqua. Mettete il coperchio sulla ciotola e mettete in frigo fino a 3 giorni. Il ghiaccio aiuta a mantenere le patate croccanti.

3 Preriscaldate il forno a 180 gradi. Tagliate le patate come preferite e disponetele in una teglia molto capiente.

4 Fatele cuocere in forno per 10 minuti. Toglietele poi dal forno e lasciatele raffreddare.

5 Riempite dei sacchetti adatti al congelatore con le patate ferme a metà cottura e congelatele.

Rimuovetele dal freezer quando ne avrete bisogno e finite di cuocerle, a vapore o in forno.

Metodo II (metodo della nonna)

Conservare le patate sbucciate, é un passaggio molto importante, oltre che per il sapore, anche per la nostra salute.

Per evitare che anneriscano, alterino il proprio sapore una volta cotte, e che sviluppino una sostanza tossica chiamata solanina, le patate sbucciate vanno inserite in una bacinella con acqua fredda e un pizzico di sale. Oppure possono rimanere in frigo anche per 3 o 4 giorni riposte in un contenitore sempre con acqua fredda e qualche goccia di aceto. Se invece ne avete sbucciate troppe, potete tagliare a pezzetti le patate, farle bollire per circa 1 minuto in acqua salata e congelarle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche