Il coraggio delle donne vittime di violenze: "Un bistrot per ricominciare"

Il coraggio delle donne vittime di violenze: “Un bistrot per ricominciare”

Napoli

Il coraggio delle donne vittime di violenze: “Un bistrot per ricominciare”

violenza
violenza sulle donne

Nasce a Poggiomarino, NA, il primo bistrot voluto da donne sfuggite alle violenze domestiche. La violenza sulle donne è una dimostrazione di vigliaccheria

La violenza sulle donne non conosce limiti. Per fortuna che ci sono esempi di ribellione che mandano segnali precisi a legislatori e a esseri violenti.

Il coraggio delle donne

L’ esempio che Antonella, Raffaella e Maria danno alle donne vittime di violenza, è encomiabile. Le tre ragazze dopo essere sfuggite alle violenze hanno trovato la possibilità di riscatto con il locale “Viva”. La voglia di rinascere dopo le umiliazioni subite, hanno dato la forza alle ragazze di rompere le catene.

Il “Viva”, a Poggiomarino, non è un semplice bistrot. È l’emblema di chi si ribella alle violenze domestiche. Il nome che è stato dato al locale, non è un nome a caso. Esso rappresenta la volontà di rinascere a nuova vita.

Il coraggio dimostrato dalle tre donne napoletane sia da esempio per tutte le vittime di violenza domestica. Tre donne che hanno dimostrato al mondo che il coraggio è la migliore arma contro i soprusi.

I dati diffusi relativi alla violenza sulle donne sono un bollettino di guerra.

Lo scorso anno ben 116 donne sono state uccise, e il 92% dei killer sono uomini. 13.000 sono i maltrattamenti che si verificano tra le mura domestiche. E non si contano i casi di stalking.

La stampa cosa fa

Gli organi di informazione non usano mezzi termini quando devono raccontare di torture contro gli uomini. Differente quando la vittima è una donna. In questo caso si cerca sempre di capire se non esiste la possibilità di addossare la colpa alla donna.

Quando la vittima è una donna, si cercano cavilli. Bisogna sapere come era vestita o che strada stava percorrendo. Quasi a scaricare la colpa di un criminale, sulla donna vittima. Arrivando, alcune volte, a minacciare la vittima se osa denunciare il crimine.

Sarebbe ora che gli organi di informazioni la smettessero con questi silenzi assordanti. E lo stesso dovrebbero fare gli organi investigativi e legislativi. La violenza sulle donne non dimostra forza o coraggio.

È solo dimostrazione di vigliaccheria da parte chi commette lo scempio.

Il futuro di questo pianeta non è previsto senza il rispetto delle donne

Da quando il mondo è stato creato, la donna ha avuto sempre il suo ruolo cardine.Esse rappresentano l’essenza della natura. Sono le creatrici della vita. Chi commette violenza sulle donne, violenta la vita e il mondo. E’ opportuno che coloro che aspirano a chiamarsi uomini, riflettano sul ruolo che la donna occupa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche