Finge il sequestro per paura della fidanzata, non le ha risposto al telefono COMMENTA

finge il sequestro

I passanti di Brooklyn, N.Y., hanno trovato il 34enne Rahmel Wallace Pettway, con mani e piedi legati e con dello scotch sulla bocca. Liberato dai poliziotti prontamente chiamati, a raccontato looro di non ricordare molto, solo di essere stato costretto a salire su un furgoncino azzurro da due uomini. La polizia è rimasta poco convinta dal racconto, anche perché ha trovato le corde legate con nodi poco stretti e lo scotch aveva ancora il rotolo attaccato e penzolante.

Leggi anche: Roberto Bolle, a New York peluche lo colpisce in faccia


Rapitori un po’ maldestri o tutta un’invenzione? si sono chiesti i poliziotti che hanno continuato ad interrogarlo e alla fine è uscita la verità, Rahmel ha confessato di avere concepito questa tragica avventura per paura della reazione della sua fidanzata, alle cui chiamate non aveva risposto per ben due settimane.

Leggi anche: Luoghi abbandonati: welcome to North Brother

Ovviamente la storia non è stata apprezzata dalle forze dell’ordine che, fortunatamente per lui, si sono limitate a considerarlo un idiota senza denunciarlo per procurato allarme, sapendo che alla punizione adatta ci avrebbe pensato la fidanzata.

Commenta per primo "Finge il sequestro per paura della fidanzata, non le ha risposto al telefono"

Commenta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato

*