Finge il sequestro per paura della fidanzata, non le ha risposto al telefono

I passanti di Brooklyn, N.Y., hanno trovato il 34enne Rahmel Wallace Pettway, con mani e piedi legati e con dello scotch sulla bocca. Liberato dai poliziotti prontamente chiamati, a raccontato looro di non ricordare molto, solo di essere stato costretto a salire su un furgoncino azzurro da due uomini. La polizia è rimasta poco convinta dal racconto, anche perché ha trovato le corde legate con nodi poco stretti e lo scotch aveva ancora il rotolo attaccato e penzolante.

Leggi anche: New York, arrestato il responsabile degli ordigni: è un 28 enne afghano


Rapitori un po’ maldestri o tutta un’invenzione? si sono chiesti i poliziotti che hanno continuato ad interrogarlo e alla fine è uscita la verità, Rahmel ha confessato di avere concepito questa tragica avventura per paura della reazione della sua fidanzata, alle cui chiamate non aveva risposto per ben due settimane.

Leggi anche: New York, Renzi: dall’Ue nessuna decisione sui migranti, faremo da soli

Ovviamente la storia non è stata apprezzata dalle forze dell’ordine che, fortunatamente per lui, si sono limitate a considerarlo un idiota senza denunciarlo per procurato allarme, sapendo che alla punizione adatta ci avrebbe pensato la fidanzata.

Leggi anche

imbarchi-aereo
Attualità

La mia grappa è una ‘bomba’, scattano misure anti terrorismo

A volte i malintesi possono generare il caos. Come accaduto poco prima della partenza, dall'aeroporto Marco Polo di Venezia, di un volo Air Canada per il quale è scattato il protocollo anti terrorismo dopo le parole di uno dei passeggeri. In fase di imbarco infatti un passeggero italo-canadese di origini trevigiane, ha pronunciato le parole sbagliate nel momento sbagliato. "Questa grappa è una bomba", avrebbe detto alla compagna poco prima di salire sull'aereo; un altro passeggero poco distante ha udito tutto e preoccupato ha avvisato il comandante di quanto udito pochi minuti prima; tanto è bastato per generare preoccupazione e [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*