Incidenti sul lavoro: un morto nel bresciano, due feriti a Legnano

Cronaca

Incidenti sul lavoro: un morto nel bresciano, due feriti a Legnano

incidenti sul lavoro

E’ grave il bilancio di due incidenti sul lavoro verificatisi nella mattinata di lunedì a Ospitaletto e Legnano.

Due incidenti sul lavoro si sono verificati ieri in due provincie lombarde diverse. In provincia di Brescia un operaio è rimasto schiacciato dal macchinario che stava utilizzando. L’uomo aveva 50 anni ed era dipendente della ditta Simin, una azienda che opera nel settore dei montaggi industriali. Il grave incidente sul lavoro è accaduto alla Ferrosider di Ospitaletto dove un magnete di enormi proporzioni (si parla di circa tre tonnellate) ha travolto il povero 50enne nella fase di caricamento su un tir non lasciandogli scampo.

Vani i soccorsi, l’uomo è morto sul colpo trucidato dall’imponente struttura. Uno sciopero in segno di protesta è stato organizzato per oggi dagli operai della Simin che hanno chiesto di incontrare i vertici dell’azienda e l’Agenzia di tutela della salute della Lombardia A, al fine di confrontarsi sul problematico tema della sicurezza sul lavoro, troppo spesso sottovalutato.

Il secondo dei due incidenti sul lavoro è avvenuto in provincia di Milano, a Legnano dove due operai di nazionalità straniera hanno riportato gravi ferite a causa del collassamento di una soletta avvenuto nelle more di una costruzione di un capannone.

Il crollo della soletta ha determinato anche il conseguente crollo della struttura e delle impalcature, travolgendo i due operai. I due feriti sono stati successivamente trasferiti presso il nosocomio di Legnano dove sono stati sottoposti alle cure del caso. Tempestivo l’arrivo dei soccorsi e dei Vigili del Fuoco che hanno provveduto a transennare la zona.

Ogni giorno la cronaca è piena di episodi che concernono la piaga degli incidenti sul lavoro. Appena pochi giorni si è celebrata a Taranto la Messa in memoria delle vittime sul lavoro, per ricordare le troppe vite perse sul lavoro nei cantieri dell’Ilva di Taranto. Nonostante le istituzioni compiano ogni giorno sforzi per elevare gli standard di sicurezza nei cantieri, ancora oggi rimane pesante il bilancio di quanti, ogni anno, perdono la vita per portare un pezzo di pane a casa. L’imprudenza, l’imperizia e anche la superficialità sono spesso le cause di incidenti sul lavoro che con un minimo di buon senso potrebbero essere evitati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche