Integratori naturali per stanchezza: quali assumere

Guide

Integratori naturali per stanchezza: quali assumere

stanchezza

La stanchezza comincia a farsi sentire ma non sapete quali rimedi sono più indicati.Ecco alcuni consigli sugli integratori naturali più indicati da assumere

Durante i cambi di stagione la stanchezza, sia fisica che mentale, si fa sentire di più. Dato che spesso non sappiamo come eliminarla, tendiamo a trascurarla e aspettiamo che passi da sé. La stanchezza psicosomatica è un disturbo che, seppur lieve, non va trascurato, specialmente d’inverno con l’influenza alle porte. Ci sono dei metodi naturali che possono aiutarci a lenire questa sensazione, quindi perché non tentare?

È importante ricordare che la stanchezza è un disturbo da considerare in modo globale. Quindi anche un semplice cura non basta a farci sentire meglio. Bisogna partire dall’alimentazione e dallo stile di vita e, solo alla fine, aiutarsi con integratori naturali. Per quanto riguarda il cibo, è importante mangiare molta frutta e verdura fresche, ricche di vitamine, magnesio e sali minerali. Eliminare i cibi confezionati, quelli che contengono zuccheri raffinati o dolcificanti sintetici e i cibi coltivati in serra.

Questi ultimi possono contenere pesticidi che peggiorano la capacità dell’organismo di disintossicarsi.

Passiamo ora agli integratori naturali. Molte sono le piante che fanno al caso nostro: Ginseng, Rhodiola, Açai, Schisandra, Maca e Guaranà.

Il Ginseng conferisce energia e vitalità, riducendo la percezione della fatica. Potenzia la resistenza fisica ai fattori ambientali e favorisce le capacità di recupero dell’organismo.

La Rhodiola combatte sonno, stanchezza e affaticamento e migliora la qualità del sonno. Inoltre è un cardioprotettivo e aiuta il cuore a combattere tachicardie, stati d’ansia e palpitazioni.

L’Açai è un frutto ricco di nutrienti rivitalizzanti e aiuta l’organismo a recuperare l’energia combattendo la stanchezza.

La Schisandra è ottima per contrastare i sintomi d’affaticamento sia fisico sia mentale. In genere è utilizzata contro i sintomi dell’invecchiamento, soprattutto nei casi di eccessivo dispendio energetico. Ciò non toglie che possa essere usata a tutte le età, specialmente durante periodi di forte stress.

Per gli amanti dei Fiori di Bach, ecco alcuni rimedi floreali capaci di ristabilire l’equilibrio psicosomatico.

Olive è il fiore della rigenerazione in casi di debolezza, affaticamento e mancanza di energie dovuti allo stress.

Questo rimedio dona energia fisica e mentale. Oak è il fiore che aiuta contro la stanchezza dovuta a un eccessivo senso del dovere che non ci lascia riposare. Aiuta a stimolare il desiderio di regalarsi delle paure di relax e lenisce il senso del dovere.

Elm è il rimedio più efficace per la stanchezza da eccessivo carico di lavoro e di impegni, Hornbeam, invece, combatte la stanchezza mentale che impedisce di lavorare al meglio.

Se siete delle persone così generose da spendere tutte le vostre energie per gli altri, senza peraltro ricevere nulla in cambio, Centaury è il fiore per voi. Donare tutte le proprie energie senza ricevere nulla crea una sensazione di svuotamento e di spossatezza. Questo rimedio vi aiuterà a creare un equilibrio nella vostra persona e ad adottare un atteggiamento più equilibrato nei confronti degli altri.

Anche la medicina tradizionale cinese può venire in vostro aiuto. La tecnica dell’agopuntura si basa sulla teoria secondo cui ogni organo possiede delle energie mentali. La stanchezza nasce da squilibri energetici e intossicazioni che danneggiano le energie mentali. A questo punto interviene l’agopuntura che fa fluire l’energia degli organi “danneggiati” per impedire di danneggiare l’energia psichica. I punti su sui lavora sono Shen Men, sulla piega del polso; Xing Jiang, fra l’alluce e il secondo dito e il Feng Long, fra il bordo inferiore della rotula e la parte più alta del malleolo esterno. Il primo tonifica e regola l’energia del cuore, il secondo quella del fegato e raffredda il sangue, il terzo elimina l’umidità e fa fluire l’energia di milza e stomaco.

Anche l’aromaterapia può portare giovamento. Gli oli essenziali sono ricchi di proprietà che stimolano il corpo e la mente, regalando un senso di rinnovata vitalità. I più indicati sono quelli di zenzero e timo per un’azione tonificante e ricostituente. Poi quello al rosmarino indicato per chi ha problemi di pressione bassa ed ha problemi di memoria. Infine quello al pino silvestre è ottimo la mattina al risveglio perché aiuta a sentirsi subito pieni di energia.

Non dimenticate che esistono delle tisane naturali energizzanti: potete trovarle a base di quegli stessi elementi naturali presenti negli integratori o in miscele ad hoc per il vostro tipo di stanchezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*