Le 5 cose che le donne odiano degli uomini

News

Le 5 cose che le donne odiano degli uomini

Quante volte abbiamo pensato che le donne e gli uomini provengono da due mondi paralleli? Sono davvero tante le differenze, ma ci sono alcuni comportamenti poco corretti e rispettosi che le donne odiano in particolare e che per questo fanno sentire in colpa gli uomini. Ne abbiamo trovati cinque e ve li elenchiamo.

  • Gli uomini hanno dei segreti nel sesso: per intenderci, la maggior parte degli uomini ama dedicarsi alla masturbazione più che al sesso vero e proprio. Quando si lasciano andare alle loro fantasie sessuali gli uomini tendono a sentirsi in colpa nei confronti della loro partner;
  • Gli uomini sono troppo critici: a volte riescono ad essere davvero indelicati, soprattutto su alcuni argomenti come i chili di troppo o le taglie dei capi di abbigliamento. Dopo aver criticato le abitudini alimentari delle donne si sentono in colpa, soprattutto quando si rendono conto che la partner si fissa sulle loro parole;
  • Gli uomini dimenticano gli anniversari: per molti uomini le date di anniversari, compleanni e ricorrenze varie sono uguali a tutte le altre.

    Naturalmente, appena qualcuno glielo fa notare, corrono subito ai ripari presi dal senso di colpa;

  • Gli uomini diventano sempre meno affettuosi: man mano che prosegue una relazione, gli uomini tendono a concedere meno coccole e interesse alla partner. Cene romantiche e sorprese diminuiscono. E anche in questo caso, se qualcuno glielo fa notare, vengono assaliti dai sensi di colpa;
  • Gli uomini scompaiono all’improvviso: questo tipico atteggiamento maschile è molto odiato dalle donne. Gli stessi uomini si rendono conto che questo è un comportamento poco rispettoso e corretto, e spesso si sentono in colpa nei riguardi delle povere donne che ne sono vittime. Per loro scomparire significa lanciare questo messaggio: nel rapporto non c’era la chimica e il trasporto che doveva esserci. Punto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche